Inaugurate, alla presenza di Roberto Maroni, le nuove sale operatorie dell’ospedale di Desenzano del Garda

Di Redazione

Al taglio del nas­tro, accan­to al Diret­tore Gen­erale dell’Azienda Ospedaliera Mar­co Vot­ta, era­no pre­sen­ti il Pres­i­dente di , il Pres­i­dente del­la Provin­cia di Bres­cia Pier Lui­gi Mot­tinel­li, la Pres­i­dente del­l’Assem­blea dei Sin­daci Maria Car­lot­ta Bra­gad­i­na e il Sin­da­co di Desen­zano .

Anche la platea era quel­la delle gran­di occa­sioni, con rap­p­re­sen­tan­ti del mon­do politi­co, isti­tuzionale, eco­nom­i­co e accademico.

Un giorno impor­tante per l’Azien­da Ospedaliera – ha sot­to­lin­eato il Diret­tore Gen­erale Mar­co Vot­ta – nel quale inau­guri­amo nuovi locali frut­to di due ristrut­turazioni che han­no vis­to un inves­ti­men­to di oltre 10milioni di euro finanziati dal­lo Sta­to, da Regione Lom­bar­dia e con fon­di del­l’Azien­da Ospedaliera. I nuovi locali han­no per­me­s­so di qual­i­fi­care ulte­ri­or­mente le due strut­ture ospedaliere gra­zie a migliori con­dizioni di com­fort per i pazi­en­ti e per gli accompagnatori.”

L’in­ves­ti­men­to è sta­to per l’Ospedale di Desen­zano di 1.800.000 euro finanziati per 1.700.000 euro con fon­di region­ali e 100.000 euro attin­ti dal bilan­cio azien­dale. 

I lavori di riqual­i­fi­cazione del vec­chio bloc­co han­no riguarda­to un’area com­p­lessi­va di 967 mq e han­no per­me­s­so la real­iz­zazione di 2 nuove sale oper­a­to­rie idonee allo svol­gi­men­to di attiv­ità chirur­gi­ca mag­giore gra­zie ad un inter­ven­to di ristrut­turazione rad­i­cale che ha com­pre­so anche gli impianti elet­tri­ci, gas med­icali, anti­ncen­dio, cli­ma­tiz­zazione e trat­ta­men­to aria.

La ristrut­turazione delle due sale oper­a­to­rie rap­p­re­sen­ta la fase con­clu­si­va di un prog­et­to più ampio che ha vis­to anche la creazione di 3 nuove sale, attive dal 2011.

L’in­ter­ven­to strut­turale appe­na con­clu­so ha con­sen­ti­to di creare un col­lega­men­to con il bloc­co oper­a­to­rio esistente, per­cor­si sep­a­rati per sporco/pulito, locali uni­ci per la preparazione ed il risveg­lio dei pazi­en­ti a sup­por­to di tutte le sale oper­a­to­rie in sos­ti­tuzione dei locali preparazione/risveglio esisten­ti — sep­a­rati per ogni sala — miglio­ran­do così l’assistenza ai pazi­en­ti ed ottimiz­zan­do l’utilizzo delle risorse.

È sta­ta anche real­iz­za­ta un’area ded­i­ca­ta alle attiv­ità chirur­giche ambu­la­to­ri­ali che con­siste in altre due sale oppor­tu­na­mente attrez­zate e dotate di uno spazio comune ded­i­ca­to alla preparazione per i chirurghi, una sala di accettazione e refer­tazione e un’ampia sala ded­i­ca­ta al trat­ta­men­to dei pazi­en­ti sia nel pre che nel post intervento.

I lavori sono sta­ti avviati lo scor­so mese di gen­naio e si sono con­clusi in ottobre.

Nell’ambito dell’appalto per la ristrut­turazione delle Sale Oper­a­to­rie sono state for­nite le apparec­chia­ture ad instal­lazione fis­sa: lam­pade scialitiche, pen­sili, pas­samalati ed il sis­tema di telemed­i­c­i­na per una delle sale.

L’alles­ti­men­to è in via di con­clu­sione gra­zie all’ac­quis­to di arre­di speci­fi­ci: arma­di metal­li­ci su ruote, car­rel­li e men­sole por­tas­tru­men­ti, piantane por­ta fle­bo, ecc. oltre a 4 pompe a siringa per aneste­sia e un video laringo­sco­pio per intubazione per un inves­ti­men­to com­p­lessi­vo di 36.000 euro finanziati per 23.000 euro con fon­di region­ali e 13.000 euro attin­ti dal bilan­cio aziendale.

L’inizio del­l’at­tiv­ità è pre­vis­to per il prossi­mo mese di gennaio.