Sottoscritto un patto per la sicurezza dell'area del lago di Garda

Incontro con il ministro Roberto Maroni

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

Un pat­to per la sicurez­za del­l’area del lago di Gar­da è sta­to sot­to­scrit­to ieri, pre­sente il min­istro , tra le prefet­ture e le Province di Bres­cia e Verona, i Comu­ni riv­ieraschi, il com­mis­sario prefet­tizio di Tren­to, la cap­i­tane­r­ia di por­to di Venezia e la Provin­cia autono­ma di Tren­toUn pat­to per la sicurez­za del­l’area del lago di Gar­da è sta­to sot­to­scrit­to ieri, pre­sente il min­istro Rober­to Maroni, tra le prefet­ture e le Province di Bres­cia e Verona, i Comu­ni riv­ieraschi, il com­mis­sario prefet­tizio di Tren­to, la cap­i­tane­r­ia di por­to di Venezia e la Provin­cia autono­ma di Tren­to. «Si trat­ta del momen­to con­clu­si­vo — ha spie­ga­to Maroni — di un lun­go per­cor­so. Un pat­to inno­v­a­ti­vo com­p­lesso ma sod­dis­facente. C’è un sis­tema di sicurez­za a più liv­el­li che dob­bi­amo far fun­zionare rap­i­da­mente per­ché la vera sfi­da parte. L’ap­pa­ra­to deve met­ter­si in moto pri­ma del­l’inizio del­la sta­gione tur­is­ti­ca». Maroni ha assi­cu­ra­to la sua costante pre­sen­za per ver­i­fi­care il reale fun­zion­a­men­to del pat­to ter­ri­to­ri­ale che giunge, pri­mo in Italia, a poco meno di una set­ti­mana dal pat­to per la sicurez­za siglato a Venezia. L’in­te­sa per il Gar­da inter­es­sa 26 comu­ni riv­ieraschi, tre province e altret­tante regioni per 170 mila abi­tan­ti. “È un sis­tema inte­gra­to di sicurez­za — ha spie­ga­to anco­ra Maroni — di un’area omo­ge­nea per gestire in modo con­di­vi­so le prob­lem­atiche ».

Parole chiave: