Si disputa oggi e domani nelle vasche dell’impianto di via Giotto la quinta edizione del Trofeo Aics

Master, duemila tuffi in piscina

27/01/2001 in Sport
Di Luca Delpozzo
Valentino Rodolfi

Gli atleti iscrit­ti sono 1.800. Rap­p­re­sen­tano oltre 100 soci­età nata­to­rie. Poi c’è un altro migli­aio di accom­pa­g­na­tori al segui­to delle squadre. È un suc­ces­so di dimen­sioni con­sis­ten­ti al quale cor­risponde un liv­el­lo notev­ole anche sul piano dei risul­tati sportivi: nelle prece­den­ti quat­tro edi­zioni sono sta­ti sta­bil­i­ti 40 record ital­iani e un pri­ma­to europeo. Bas­tano queste cifre per ren­dere l’idea del pres­ti­gio rag­giun­to dal Tro­feo Aics Cit­tà di Desen­zano, man­i­fes­tazione di nuo­to mas­ter in pro­gram­ma tra oggi e domani nelle vasche del­la pisci­na di via Giot­to. Alla sua 5ª edi­zione, l’appuntamento desen­zanese è già divenu­to il più impor­tante dell’intero cir­cuito nazionale Fin Mas­ter Ital­iano. La cit­tad­i­na garde­sana ringrazia gli orga­niz­za­tori (il mer­i­to è dell’Aics Mas­ter Nuo­to di Bres­cia): 3.000 pre­sen­ze in un peri­o­do dell’anno tur­is­ti­ca­mente fiac­co rap­p­re­sen­tano una mano san­ta anche per l’economia locale. «Il suc­ces­so del­la man­i­fes­tazione cresce di anno in anno — sot­to­lin­ea Mario Gre­go­rio, pres­i­dente dell’Aics di Bres­cia -. Quest’anno abbi­amo rice­vu­to ben 2.500 domande di parte­ci­pazione: abbi­amo dovu­to resp­ingerne a centi­na­ia, chi­ud­ere i ter­mi­ni di iscrizione e speg­nere i fax con una set­ti­mana di anticipo sul pre­vis­to». Le for­tune stra­or­di­nar­ie del­la man­i­fes­tazione han­no più di una ragione: l’impianto nata­to­rio è di otti­mo liv­el­lo e ormai rino­ma­to tra gli appas­sion­ati di tut­ta Italia. Desen­zano offre otti­ma logis­ti­ca, attrat­tive e soluzioni alberghiere. Soprat­tut­to, però, il vero seg­re­to è la grande pas­sione per il nuo­to: tra i Mas­ter, infat­ti, gareg­giano atleti che han­no super­a­to i 25 anni di età, non pos­sono più essere com­pet­i­tivi ai mas­si­mi liv­el­li, ma non vogliono rin­un­cia­re allo sport prefer­i­to. È un movi­men­to ali­men­ta­to da appas­sion­ati di tutte le età: oggi e domani gareg­ger­an­no nuo­ta­tori di 30, 40 ma anche 75 e 85 anni di età. Ques­ta è pas­sione. «A tut­to questo — osser­va Gior­gio Lam­ber­ti, ex pri­ma­tista mon­di­ale dei 200 stile libero e pres­i­dente provin­ciale del­la Fed­er­azione Nuo­to — va riconosci­u­ta la grande capac­ità orga­niz­za­ti­va dell’Aics: muo­vere trem­i­la per­sone da tut­ta Italia e da varie par­ti d’Europa richiede un’abilità orga­niz­za­ti­va dimostra­ta dai fat­ti». Ed ecco, per chi oggi e domani vor­rà seguire le gare, il pro­gram­ma del­la man­i­fes­tazione. Le prime bat­terie saran­no in vas­ca alle 13.30 odierne per i 50 dor­so; seguiran­no i 100 far­fal­la e i cen­to stile libero. Domat­ti­na si ripren­derà alle 9 con 50 rana, i 50 stile libero e i 100 misti. Valenti­no Rodolfi