Oltre dieci contravvenzioni al giorno nel tratto a sud del paese le cui spiagge vengono prese d’assalto soprattutto nei fine settimana

Multe sulla GardesanaStop a parcheggio selvaggio

23/08/2007 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Gerardo Musuraca

Stop al parcheg­gio sel­vag­gio, almeno nel­la parte a sud di Tor­ri. E, sul­la stra­da garde­sana, fioc­cano le multe per sos­ta vieta­ta. Sono state 278 in ven­tuno giorni con una media di qua­si 93 alla set­ti­mana, e cioè cir­ca tredi­ci al giorno, le sanzioni ammin­is­tra­tive ele­vate dal­la di Tor­ri per «vio­lazione dell’articolo 157 com­ma 3/B, e cioè per sos­ta vieta­ta sul­la car­reg­gia­ta fuori dal cen­tro abi­ta­to, su stra­da con dirit­to di prece­den­za», come ha illus­tra­to il coman­dante, Domeni­co Tenca.Un provved­i­men­to, quel­lo di iniziare a con­trol­lare e a sanzionare le auto che stazio­nano sul­la stra­da Garde­sana fuori dal paese «det­ta­to dal peri­co­lo che si viene a creare per le molte vet­ture parcheg­giate non solo ai bor­di del­la stra­da, ma anche e pro­prio su parte del­la car­reg­gia­ta, specie in direzione nord», come han­no pros­e­gui­to da Viale Fratel­li Lavan­da, sede del comando.E così, dal 23 luglio al 14 agos­to, gli uomi­ni in divisa han­no pat­tuglia­to l’u­ni­ca arte­ria che unisce i pae­si riv­ieraschi, e han­no inizia­to a las­cia­re fogli­et­ti gial­li sot­to i ter­gi­cristal­li. Le multe non sono state comunque molto alte: tutte di 36 euro ciascuna.«Abbiamo rice­vu­to notevoli proteste a più riprese», ha pros­e­gui­to anco­ra Ten­ca «per­chè, su alcu­ni trat­ti par­ti­co­lar­mente stret­ti del­la Garde­sana, ad esem­pio lun­go il trat­to tra local­ità Acque Fred­de e Canevi­ni, due pull­man o due camion che si incro­ci­a­vano non rius­ci­vano talo­ra a pas­sare per il notev­ole restring­i­men­to delle cor­sie. Inoltre, la vis­i­bil­ità lat­erale è notevol­mente com­pro­mes­sa e le auto sono costrette a mar­cia­re al cen­tro delle corsie».Insomma un vero peri­co­lo, da cui potreb­bero derivare numerosi inci­den­ti. Il tut­to, il più delle volte, causato dal­la gente che si river­sa nelle spi­agge, par­ti­co­lar­mente apprez­zate, del comune di Tor­ri, ma non sem­pre si pre­oc­cu­pa che il pro­prio mez­zo non intralci.«Nessuno di noi ce l’ha con i bag­nan­ti o coi tur­isti mor­di e fug­gi», ci ten­gono a pre­cis­are anco­ra dal coman­do «ma è evi­dente che, una situ­azione di ille­gal­ità e che, per di più, crea peri­co­lo non solo nei week end quan­do il fenom­e­no è cer­ta­mente accen­tu­a­to, ma tut­ti i giorni o qua­si nel peri­o­do clou del­la sta­gione tur­is­ti­ca, fran­ca­mente non è tollerabile».Del resto anche a sud di local­ità Bran­col­i­no, oltre il con­fine di Tor­ri del Bena­co, specie ai bor­di del ret­ti­li­neo che por­ta a San Vig­ilio, la Polizia locale di Gar­da è sta­ta costret­ta a più riprese a multare le auto dei bag­nan­ti. «La zona a nord di Tor­ri», ha pre­cisato Ten­ca «fino­ra ci ha cre­ato meno prob­le­mi per­chè, in vari pun­ti, la stra­da è più larga, e per­chè dispone di qualche pos­to auto in più. Ma anche lì, nei prossi­mi giorni e nei fine set­ti­mana, scat­ter­an­no i con­trol­li». Oltre un mese fa però «L’Are­na» ave­va seg­nala­to, nel cen­tro abi­ta­to di Pai, numerosi parcheg­gi sel­vag­gi perfi­no sulle spi­agge, con tan­to di intral­cio alla cir­co­lazione anche dei sem­pli­ci pedoni.Insomma, se da una lato man­cano i parcheg­gi e i bag­nan­ti del week end sono in qualche misura costret­ti a parcheg­gia­re nel migliore dei casi ai bor­di del­la stra­da, è altret­tan­to vero che spes­so auto­mo­bili, moto e fuoristra­da con tan­to di car­rel­lo al segui­to sono col­lo­cati in pun­ti tali da creare ingorghi, prob­le­mi e seri pericoli.«Va però anche ril­e­va­to» ha ricorda­to Ten­ca «che a Tor­ri esiste, dal 29 giug­no e ter­min­erà il 16 set­tem­bre, un servizio di bus navet­ta gra­tu­ito con parten­za dal parcheg­gio del castel­lo. In prat­i­ca chi vuole può parcheg­gia­re, a paga­men­to, nel­l’area apposi­ta tra il traghet­to e la Garde­sana e può usufruire gra­tuita­mente del pul­mi­no che fa tap­pa nelle prin­ci­pali spi­agge del paese, da Pai a Brancolino».L’orario del bus — fan­no sapere dal munici­pio ‑va dalle 9 del mat­ti­no alle 19, con la pausa per il pran­zo tra le 12.45 e le 15.45, e le corse sono prati­ca­mente ogni ora. Le fer­mate prin­ci­pali sono quelle degli auto­bus dell’Aptv.Resta adesso da vedere se, con il preved­i­bile calo tur­is­ti­co del dopo fer­ragos­to e le oper­azioni dei vig­ili, anche nei fine set­ti­mana diminuiran­no le soste selvagge.

Parole chiave: