Il Comune intende favorire la collocazione nel centro commerciale dei Campagnoli delle attività del paese. Domande entro il 31 marzo, avviato un tavolo di consultazione

«Negozianti, fatevi sotto»

17/03/2006 in Attualità
Di Luca Delpozzo
Roberto Darra

Com­in­cia l’operazione di mon­i­tor­ag­gio del nuo­vo grande cen­tro com­mer­ciale dei Cam­pag­no­li volu­ta dall’assessore al Com­mer­cio Valenti­no Leonar­di. Il pri­mo atto sarà la ril­e­vazione dell’interesse con­cre­to all’avvio di attiv­ità da parte degli oper­a­tori lonate­si che si trovano a vivere questo peri­o­do di indub­bia pre­oc­cu­pazione e a ripen­sare al loro spazio com­mer­ciale sul ter­ri­to­rio. Questo mod­el­lo di ril­e­vazione che è già disponi­bile all’Ufficio com­mer­cio dovrà essere deb­ita­mente com­pi­la­to e resti­tu­ito entro il 31 mar­zo. «Chieder­e­mo alla pro­pri­età — spie­ga l’assessore Leonar­di — di garan­tire una effet­ti­va pri­or­ità ai com­mer­cianti del paese. Il tavo­lo di con­sul­tazione di garanzia, vedrà fian­co a fian­co il sin­da­co o un suo del­e­ga­to, rap­p­re­sen­tan­ti delle asso­ci­azioni di cat­e­go­ria (Ascom e Con­fe­ser­centi) e pro­pri­etari del­la soci­età. «Con una con­trat­tazione col­let­ti­va, non del sin­go­lo eser­cizio, potremo spuntare costi di affit­to e di ges­tione più bassi, mag­a­ri accor­pan­do più eser­centi apparte­nen­ti alla stes­sa tabel­la mer­ce­o­log­i­ca». Con ques­ta rac­col­ta di richi­este da parte del tes­su­to lonatese si cercherà di capire quan­to sia reale l’interesse ad aprire un serio con­fron­to con ques­ta nuo­va strut­tura che si pre­sen­ta davvero gigan­tesca. Lo ricordi­mao, al suo inter­no dovreb­bero infat­ti sorg­ere dai 100 ai 130 negozi. Le attuali autor­iz­zazioni fis­sano in 7000 metri qua­drati lo spazio des­ti­na­to agli eser­cizi ali­men­ta­ri, in 21 mila metri qua­drati quel­lo ded­i­ca­to al non ali­menta­re, men­tre 24 mila e 800 ver­ran­no des­ti­nati ad altri usi. L’area com­p­lessi­va sul­la quale sta sor­gen­do il cen­tro com­mer­ciale, misura 295 mila metri qua­drati, di cui 175 mila saran­no occu­pati da ben 6 mila posti auto. Com­pren­si­bile il tim­o­re dei com­mer­cianti di Lona­to, ma anche dell’intero cir­con­dario vis­to che a pochi chilometri dai Cam­pag­no­li, a Desen­zano, sorge il cen­tro com­mer­ciale Le Vele. Il verde pub­bli­co cedu­to al Comune di Lona­to dal­la soci­età real­iz­za­trice, la Cedro 99, è di 21 mila metri qua­drati, men­tre altri 56 mila ver­ran­no adibiti a verde pri­va­to. Il cantiere di costruzione lun­go la provin­ciale che da Desen­zano por­ta a Cas­tiglione è avvi­a­to da diver­si mesi, ma l’apertura dovrebbe avvenire solo per l’aprile del 2007. L’iniziativa dell’assessore Valenti­no Leonar­di, oltre agli affit­ti calmierati, pun­terà anche a dare prece­den­za nelle assun­zioni per i res­i­den­ti. Un capi­to­lo che sarà gesti­to nel­la mas­si­ma trasparen­za dagli uffi­ci di col­lo­ca­men­to del­la zona e a par­tire da quest’autunno. La Giun­ta Boc­chio sta anche elab­o­ran­do una serie di inizia­tive per tute­lare ed aiutare i com­mer­cianti del cen­tro stori­co e toglier­li dal pos­si­bile iso­la­men­to. «È nos­tra pre­oc­cu­pazione far sì che non diven­ti un dor­mi­to­rio — spie­ga anco­ra Leonar­di — dovre­mo molti­pli­care gli intrat­ten­i­men­ti, gli even­ti sul mod­el­lo del , i con­tat­ti con la e il grande pat­ri­mo­nio cul­tur­ale per tenere vivo il cen­tro del paese». Per mag­giori infor­mazioni l’assessore riceve su appun­ta­men­to ogni lunedì dalle ore 9 alle 11. Il per­son­ale dell’Ufficio com­mer­cio è disponi­bile per fornire even­tu­ali chiari­men­ti in mer­i­to e potrà essere con­tat­ta­to anche tele­foni­ca­mente, durante i giorni dal lunedì al ven­erdì, dalle ore 9 alle oer 13; il mart­edì anche dalle ore 16 alle ore 18.