Prende forma sul Garda il tricolore dei velisti con disabilità motorie

30/04/2013 in Manifestazioni, Vela
Di Redazione

Il , Can­ot­tieri Gar­da Salò ed il prog­et­to Hyak Onlus incas­sano le prime ade­sioni al Cam­pi­ona­to Ital­iano Access Class, la man­i­fes­tazione che dal 23 al 26 mag­gio vedrà impeg­nati sul Bena­co gli skip­per con ogni tipo di dis­abil­ità in ambito moto­rio.

La flot­ta è quel­la del doppio Skud 18 e la pri­ma ade­sione è dei velisti bres­ciani e che saran­no in rega­ta a Gargnano. Mas­si­mo Dighe, velista di Chiari che difende i col­ori delle Fiamme Azzurre, già a Lon­dra 2012 con il trip­lo Sonar del­la Can­ot­tieri Gar­da, inizierà la sua lun­ga ver­so le Olimpia­di di Rio 2016. Sua com­pagna d’avven­tu­ra è Romi­na Mod­ena di Lona­to del Gar­da, che arri­va dall’ handy­bike, e che cor­rerà per i col­ori del­l’Ans di Sulzano, il sodal­izio sporti­vo del lago d’Iseo che sta ospi­tan­do sot­to la gui­da del coach Elio Sina gli allena­men­ti del­la nuo­va cop­pia. Sul lago di Gar­da ci saran­no anche gli azzur­ri di Lon­dra 2012, il berga­m­as­co (Avas Lovere) e la vene­ta (Club Alto Adri­ati­co di Lig­nano).

VelaDisabili

L’e­quipag­gio che solo dopo due sta­gioni riuscì a chi­ud­ere con un onorev­ole 5° pos­to finale alle Olimpia­di 2012, oltre a con­quistare il tito­lo di vice cam­pi­oni d’Eu­ropa nel 2011, lo scud­et­to tri­col­ore del 2012. Il ter­zo equipag­gio in gara sarà quel­lo comanda­to dal nav­i­ga­tore ocean­i­co vicenti­no . Il Cam­pi­ona­to Ital­iano pre­sen­terà la for­mu­la Open, aper­to quin­di ad equipag­gi stranieri.Le clas­si in acqua saran­no oltre al par­alimpi­co Skud 18 quelle dei 303 sin­go­lo e doppio, il sin­go­lo Lib­er­ty.

Il Cam­pi­ona­to incas­sa anche le prime ade­sioni di impor­tan­ti aziende, enti e fon­dazioni part­ner che pre­sen­ter­an­no nel cor­so del­la set­ti­mana “Lea” (Lake Eco Access) alcune impor­tan­ti novità tec­no­logiche e in ambito sociale. Sono Fon­dazione Asm Bres­cia, Osmi s.r.o (Oil & Gas Indus­tri­al Valves), Isomet, Gra­naro­lo spa e Cen­trale del lat­te di Milano, Iab Bres­cia, il pic­co­lo “Dinghy” ad ener­gia solare di Ter­ra e Mare di Maner­ba (Bs), lo “Skiff” del Cus Bres­cia real­iz­za­to all’in­ter­no del­l’ate­neo di Ingeg­ne­r­ia con l’u­ti­liz­zo di fibre veg­e­tali al 70 per cen­to, la scuo­la pro­fes­sion­ale di Tren­to Cen­tro Moda Canosse, che pro­por­rà la sua collezione des­ti­na­ta alla nau­ti­ca, Ener­gy Solu­tion Group di Bres­cia che offrirà il suo scafo di Minial­tura al team del Cus Bologna-Alma Mater, Rae­cy­cle, soci­età che ha col­lab­o­ra­to per la costruzione di un maxi cata­ma­ra­no a vela dota­to di una serie di pan­nel­li solari per l’al­i­men­tazione degli stru­men­ti di bor­do, pri­mo di classe nel­l’ul­ti­ma edi­zione del­l’Arc in Atlanti­co.