L’aeroporto D’Annunzio ha ultimato i lavori nell’ex hangar militare. La Ocean Airlines presto metterà in pista i Boeing commerciali

Pronti al decollo i voli merci. Spesi 7 milioni di euro

29/06/2004 in Attualità
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
William Geroldi

Il Car­go cen­ter di Mon­tichiari è pron­to. Ulti­ma­ta la ristrut­turazione dell’ex hangar mil­itare, trasfor­ma­to in una mod­er­na strut­tura al servizio del trasporto mer­ci, l’aeroporto «» attende ora solo il decol­lo dei pri­mi Boe­ing del­la Ocean Air­lines, com­pag­nia aerea «all car­go» che com­in­cerà nel vol­gere di pochi giorni i col­lega­men­ti con almeno otto des­ti­nazioni, nel­la fase iniziale, ver­so i più sig­ni­fica­tivi mer­cati del piane­ta, e in par­ti­co­lare il medio Ori­ente. Il Car­go cen­ter è costa­to alla soci­età aero­por­tuale 7 mil­ioni di euro; occu­pa una super­fi­cie cop­er­ta di 3700 metri qua­drati, con capac­ità di movi­men­tazione per oltre 80mila ton­nel­late l’anno, e 825 metri qua­drati di uffi­ci già disponi­bili per affit­to. La Ocean Air­lines ha deciso di puntare su Mon­tichiari quale base oper­a­ti­va del traf­fi­co mer­ci, definen­dola «scelta strate­gi­ca, che ci con­sen­tirà di offrire i nos­tri servizi diret­ta­mente dal cuore indus­tri­ale d’Italia, elim­i­nan­do così buona parte del trasporto su gom­ma e i ritar­di che ne con­seguono». Si trat­ta sen­za dub­bio per lo sca­lo bres­ciano del­la più impor­tante oper­azione com­mer­ciale dall’apertura al traf­fi­co avvenu­ta nel mar­zo 1999. La Ocean Air­lines allinea una flot­ta di Boe­ing 747 che faran­no la spo­la in par­ti­co­lare per l’Estremo Ori­ente. Le cifre illus­trate dal­la soci­età promet­tono un forte impeg­no finanziario vis­to che il piano indus­tri­ale «prevede un inves­ti­men­to iniziale di 150 mil­ioni di euro nel peri­o­do 2004–2006. Gra­zie alla cres­cente doman­da di trasporti di questo tipo, il fat­tura­to atte­so dopo il pri­mo anno di attiv­ità è di oltre 100 mil­ioni di euro». Fin qui impeg­ni e desideri del­la com­pa­ny; di cer­to c’è che lo svilup­po del trasporto mer­ci è il com­par­to dal quale Mon­tichiari può aspet­tar­si i risul­tati migliori. Anche alla luce del poten­zi­a­men­to delle infra­strut­ture che inter­es­sa l’area cir­costante, a com­in­cia­re dall’alta capac­ità fer­roviaria, con la stazione pre­vista pro­priao nelle vic­i­nanze del­lo sca­lo, fino al com­ple­ta­men­to dell’anello del­la Sp 19, con il nuo­vo casel­lo per la A21, la Bres­cia-Cre­mona-Tori­no, e l’innesto sul­la A4, la -Venezia. Ocean Air­lines è una soci­età ital­iana com­pos­ta da investi­tori ital­iani e aus­triaci (anche Air Alps, l’attuale com­pag­nia che garan­tisce i col­lega­men­ti con Roma è di orig­ine aus­tri­a­ca, ndr) cos­ti­tui­ta di recente, nel set­tem­bre 2003. La com­po­sizione degli organi esec­u­tivi, come ripor­ta­ta dal sito Inter­net del­la com­pag­nia, riv­ela un team diri­gen­ziale di grande espe­rien­za. Il Chief exec­u­tive offi­cer è Michael Meagher, che tra le tante cariche in prece­den­za è sta­to vice-pres­i­dente di Aer Lin­gus in Irlan­da (altra curiosa coin­ci­den­za vis­to che irlan­dese è pure , che fa la spo­la a prezzi strac­ciati da Mon­tichiari a Lon­dra, ndr) e ammin­is­tra­tore del­e­ga­to di Futu­ra Air­lines in Spagna. Michele Useli è il diret­tore com­mer­ciale, espe­rien­ze in Sabena, la com­pag­nia di trasporto bel­ga e in altre soci­età. Fabio Con­sole, com­mer­cial­ista con espe­rien­ze nel set­tore dell’aeronautica rico­pre l’incarico di ammin­is­tra­tore del­e­ga­to. Lin­ton Bell è il direttore.

Parole chiave: -