Tradizione, fotografia, musica e teatro per festeggiare la Santa patrona, dal 22 gennaio

Ricco programma di eventi a Desenzano del Garda per Sant’Angela Merici

Parole chiave: -
Di Redazione

Il Comune di Desen­zano del Gar­da pre­sen­ta una serie di inizia­tive per cel­e­brare la patrona del­la cit­tà Sant’Angela Meri­ci, il prossi­mo ven­erdì 27 gen­naio.

Dal­la tradizione alla , dal­la musi­ca al teatro: ric­co di spun­ti di cul­tura e di rif­les­sione, il pro­gram­ma di even­ti per la san­ta patrona si aprirà domeni­ca 22 gen­naio nel­la Par­roc­chia di S.Angela nel quartiere delle Grezze, a poca dis­tan­za dal­la casa dove la gio­vane era cresci­u­ta, con la Mes­sa solenne alle 10.30, pre­siedu­ta da don Bruno Pozzetti e con­cel­e­bra­ta dal par­ro­co don Lui­gi Lim­i­na (fonda­tore del­la par­roc­chia) e dal par­ro­co attuale don Dami­ano Bus­sel­li; la Mes­sa sarà segui­ta da un pran­zo con­viviale in ora­to­rio alle 12.30 (spiedo su preno­tazione, tele­fono 030 9120175).

Nel giorno del­la ricor­ren­za patronale, com’è tradizione, il 27 gen­naio un maz­zo di fiori sarà posato sul­la stat­ua del­la san­ta, innalza­ta al cen­tro di piaz­za Malvezzi nel 1782. La sera, alle 18.30, Mes­sa solenne in Duo­mo pre­siedu­ta dal par­ro­co don Gio­van­ni Ghi­rar­di.

Sem­pre per la fes­ta di Sant’Angela Meri­ci saba­to 28 gen­naio alle 21, nel­la chiesa di S. Angela Meri­ci, si ter­rà il quin­to even­to del­la Sta­gione con­cer­tis­ti­ca 2016/2017: suon­erà Pao­lo Ghi­doni, vio­li­no solista pluripremi­a­to, accom­pa­g­na­to dall’Orchestra d’archi NED Ensem­ble diret­ta dal M° Andrea Man­nuc­ci. Musiche di Anto­nio Vival­di, Andrea Man­nuc­ci, Ottori­no Respighi e Andrea Bat­tis­toni. L’ingresso è libero.

Il sin­da­co affer­ma: «È la pri­ma vol­ta che la chiesa di Sant’Angela ospi­ta un even­to del­la Sta­gione con­cer­tis­ti­ca ed è il pri­mo anno che viene pro­pos­to un con­cer­to per la ricor­ren­za patronale. Anche per la pre­mi­azione del pri­mo con­cor­so fotografi­co ded­i­ca­to alla nos­tra cit­tà abbi­amo scel­to come data sim­bol­i­ca la fes­ta del­la patrona, unen­do così più even­ti. Ci è par­so un bel seg­no di ringrazi­a­men­to ver­so chi ha dimostra­to, attra­ver­so i pro­pri scat­ti, di amare e val­oriz­zare Desen­zano del Gar­da».

Le pre­mi­azioni del Con­cor­so fotografi­co “Desen­zano di ter­ra e di lago – Pri­ma edi­zione Sorel­la acqua” e l’inaugurazione del­la mostra abbina­ta si svol­ger­an­no in castel­lo saba­to 28 gen­naio alle 15.30. Ben 22 i pre­mi pre­visti e 61 le immag­i­ni a cui la giuria ha deciso di dare vis­i­bil­ità attra­ver­so una pub­bli­cazione ded­i­ca­ta e la mostra fotografi­ca, che rimar­rà allesti­ta nelle sale del mas­tio fino al 19 feb­braio. Aper­tu­ra e ingres­so mart­edì mat­ti­na e nel fine set­ti­mana, come per la visi­ta del castel­lo.

Nel pro­gram­ma di inizia­tive patronali rien­tra­no anche lo spet­ta­co­lo “Al cuore del nos­tro deside­rio. L’abisso di vita di Miguel Mañara” a cura del­la com­pag­nia teatrale “Pro­fu­mo di cielo”, il 28 e il 29 gen­naio nel Teatro Pao­lo VI, in col­lab­o­razione con il Comune di Desen­zano, e il con­cer­to corale del 25 gen­naio “Nel tuo abbrac­cio tien­i­mi, sicuro io ci sarò!”, real­iz­za­to dal coro di alun­ni e gen­i­tori del­la scuo­la pri­maria Sant’Angela Meri­ci, alle 20.45 nel­la chiesa di Sant’Angela.

La Com­pag­nia teatrale “Pro­fu­mo Di Cielo” è nata nel 2014 nel­la Par­roc­chia di San­ta Maria Mad­dale­na in Desen­zano, ha già real­iz­za­to lo spet­ta­co­lo “C’è da non cred­er­ci!” por­ta­to in sce­na per il bicen­te­nario dal­la nasci­ta di San Gio­van­ni Bosco e la med­i­tazione teatrale sul tema del­la Mis­eri­cor­dia di Dio “Tu mi hai fat­to rinascere”. Ora pre­sen­ta il suo ter­zo lavoro teatrale, in occa­sione del­la fes­ta di Sant’Angela Meri­ci: “Al cuore del nos­tro deside­rio. L’abisso di vita di Miguel Mañara”. È il risul­ta­to del per­cor­so intrapre­so da 90 ado­les­cen­ti e gio­vani del­la cit­tà di Desen­zano che si for­mano, con caden­za set­ti­manale all’oratorio Pao­lo VI, alla ricer­ca del sen­so del­la vita e del­la felic­ità vera. Alcu­ni di loro han­no deciso di met­tere in sce­na la pièce del dram­matur­go litu­ano Oscar Milosz dal tito­lo “Miguel Mañara”.

La rap­p­re­sen­tazione si ter­rà domeni­ca 29 alle 15.30 con la pre­sen­za delle autorità cit­ta­dine, pre­ce­du­ta da un’anteprima saba­to 28 gen­naio alle 21, pres­so il Teatro Pao­lo VI di vico­lo Ora­to­rio 19 in cen­tro stori­co. La sto­ria è quel­la di Miguel Mañara, il vero don Gio­van­ni real­mente esis­ti­to alla metà del Sei­cen­to e ispi­ra­tore di tut­ti i per­son­ag­gi di don Gio­van­ni inven­tati in segui­to. Da uomo ric­co, arro­gante e vio­len­to, Miguel riesce ad andare fino in fon­do al suo deside­rio, attra­ver­so l’esperienza del dolore pro­fon­do, fino a diventare frate e morire in odore di san­tità.

La preno­tazione è obbli­ga­to­ria su www.profumodicielo.it; entram­bi gli even­ti sono a ingres­so libero.

Parole chiave: -