Il bilancio delle attività del gruppo di amici dei Cento presep

Rivive la chiesa di S. Antonio

08/01/2009 in Attualità
Di Luca Delpozzo
R.DA.

La chiusura del­la mostra «Cen­to pre­sepi» a Lona­to, chi­ude anche il bilan­cio delle attiv­ità svolte nel 2008 dagli Ami­ci del­la chiesa di S. Anto­nio. I lavori svolti dal grup­po di volon­tari, con l’obiettivo di recu­per­are l’antico tem­pio, han­no per­me­s­so, fra l’altro, il rad­doppio del­la super­fi­cie di espo­sizione dei pre­sepi, gra­zie alla sis­temazione dell’oratorio del­la Con­fra­ter­ni­ta del Suffragio.L’Oratorio fu costru­ito nel 1680. L’attività del­la Con­fra­ter­ni­ta pros­eguì fino al 1797, quan­do venne sop­pres­sa dalle dis­po­sizioni napoleoniche. «Gli ami­ci del­la chiesa di S. Anto­nio Abate — ricor­da Fabio Ter­raroli — oper­a­no per sis­temare ciò che c’era in orig­ine e che il sen­a­tore Ugo Da Como ave­va a suo tem­po ripristi­na­to, dopo i dan­ni appor­tati dai mil­i­tari durante la pri­ma guer­ra mon­di­ale. Nel 1964, per alle­stire l’altare dei Cadu­ti, furono tolti i seg­gi del­la parete, con l’ aggiun­ta di due lapi­di: una ded­i­ca­ta ai Cadu­ti e l’altra al senatore».L’operazione di ripristi­no ha sman­tel­la­to l’altare ormai mal­con­cio, ria­per­to una fines­tra e col­lo­ca­ta una vetra­ta artis­ti­ca. Un altro lavoro appe­na com­ple­ta­to è sta­to la real­iz­zazione del­la bus­so­la in leg­no dip­in­to, gra­zie a Rober­to Crot­ti, Ottavio Mar­coli, Gio­van­ni Occhi. Nel cor­so del 2008 è sta­to inoltre sis­tem­ato il gia­rdi­no ester­no, ricol­lo­can­do la stat­ua di S. Anto­nio sull’altare.