Istruzione e percorsi a lago nel Piano delle opere pubbliche. Fra i progetti futuri anche l’asilo nido e il castello

Scuole, un giro di valzer

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Desenzano del Garda

Tut­ti al lago, tut­ti a scuo­la. Spi­agge ed edi­fi­ci sco­las­ti­ci han­no la parte del leone nel Piano tri­en­nale delle opere pub­bliche pre­sen­ta­to ieri a Desen­zano dal­la Giun­ta Pien­az­za. La nuo­va ammin­is­trazione ha dunque fat­to le pro­prie scelte. Sul­la car­ta sono pre­visti anche 10 mil­ioni di euro per il castel­lo, ma questo stanzi­a­men­to nel bilan­cio è una pura for­mal­ità: i finanzi­a­men­ti (da pri­vati, dall’Europa), sono anco­ra in alto mare, e le soluzioni sono allo stu­dio. Nel com­p­lesso il piano tri­en­nale com­prende 48 mil­ioni di inves­ti­men­ti, di cui oltre 17 mil­ioni per il 2003. Molto con­creti e imme­diati dovreb­bero essere i prog­et­ti illus­trati ieri per le scuole e per val­oriz­zare la fas­cia a lago in chi­ave tur­is­ti­ca, ambi­en­tale e di qual­ità del vivere. Al lago si andrà per fare il bag­no ma anche per passeg­gia­re. Già da quest’anno, 850 mila euro dovreb­bero finanziare il per­cor­so ciclope­donale e bal­n­eare dal Desen­zani­no al Vò. A Riv­oltel­la un’altra passeg­gia­ta a lago è pre­vista per 600 mila euro già dal 2003 ver­so la Madon­ni­na. Un altro itin­er­ario a lago (con col­lega­men­to tra il por­to di Riv­oltel­la e la Spi­ag­gia d’Oro) prevede nel com­p­lesso 570 mila euro, tut­ti stanziati per l’anno entrante ripren­den­do il prog­et­to del­la Giun­ta Anel­li. Restando vici­no alla riva del Gar­da, sono riman­dati al 2005 l’ampliamento del por­to di Riv­oltel­la (1 mil­ione di euro a bilan­cio fra tre anni) e l’acquisizione del gia­rdi­no Gri­grol­li, cioè l’area verde accan­to al Desen­zani­no che ver­rebbe a costare 800 mila euro. Infine 300 mila euro ser­vono per il Par­co dei Can­neti al San Francesco. È un elen­co di opere che insieme ver­ran­no a cos­ti­tuire un com­p­lesso inte­gra­to di spi­agge e di per­cor­si. Ancor più inter­es­sante per i cit­ta­di­ni è il capi­to­lo scuole. Per gli edi­fi­ci sco­las­ti­ci, cui si vor­rebbe dedi­care ingen­ti inves­ti­men­ti nel tri­en­nio, il piano del­la Giun­ta è molto arti­co­la­to, qua­si un gio­co di incas­tri. Tut­to cam­bierà. La scuo­la mater­na è già des­ti­na­ta a trasferir­si nel­la nuo­va sede in costruzione al quartiere delle Grezze; la nuo­va sede dell’Ipc e dell’Itc «Bazoli» è già in fase di real­iz­zazione, ma molto altro bolle in pen­to­la. In prat­i­ca, l’idea è di spostare l’Alberghiero che andrebbe ad occu­pare l’attuale sede dell’elementare «Lai­ni» in via Michelan­ge­lo; così la media «Cat­ul­lo» potrebbe allargar­si negli spazi las­ciati liberi dall’Alberghiero; infine la ele­mentare «Lai­ni», a sua vol­ta, si sposterebbe in due nuove palazz­ine da costru­ire sull’ex campet­to da cal­cio del­la «Cat­ul­lo». Un giro di valz­er. «In questo modo tutte e tre le scuole, ora molto alle strette, avran­no spazi suf­fi­ci­en­ti — spie­ga l’assessore alla Pub­bli­ca istruzione, Maria Vit­to­ria Papa -. Vor­rem­mo portare avan­ti questi prog­et­to in tem­pi e modi com­pat­i­bili con le esi­gen­ze di tut­ti e tre gli isti­tu­ti». Da aggiun­gere in tema una buona notizia per le mamme: 1.300.000 euro è lo stanzi­a­men­to per la costruzione di un nuo­vo asi­lo nido, anche se i fon­di sono pre­visti solo per il 2004. «Nel piano del 2003 — spie­ga in propos­i­to l’assessore ai Lavori pub bli­ci Rodol­fo Bertoni — abbi­amo pre­vis­to solo le cose che real­is­ti­ca­mente potremo finanziare davvero entro l’anno prossi­mo. Tut­to il resto è rimanda­to». Ad esem­pio, di Vil­la Brunati si par­lerà solo nel 2004, per­ché il prog­et­to è com­p­lesso (si par­la di e cen­tro cul­tur­ale) e ci sono tut­to una serie di vin­coli mon­u­men­tali e tec­ni­ci da super­are. Infine è qua­si super­fluo dire che il piano prevede ingen­ti somme per fog­na­ture, illu­mi­nazione, , mar­ci­apie­di, acqua pota­bile, eccetera. Ci saran­no tante occa­sioni per par­larne e la Giun­ta sta preparan­do una serie di incon­tri (una quindic­i­na) da svol­gere nelle prossime set­ti­mane in cen­tro e nelle frazioni per rac­cogliere i sug­ger­i­men­ti del­la popolazione.

Parole chiave: