La chiesa è di nuovo al caldo grazie alle numerose offerte

Tra i contributi 20mila euro arrivano dalla Regione

05/02/2006 in Attualità
Di Luca Delpozzo
(g.m.)

Da Venezia arrivano i sol­di per com­pletare l’impianto di riscal­da­men­to del­la chiesa par­roc­chiale. Entu­si­as­ta il par­ro­co, mon­sign­or Luciano De Agos­ti­ni, e i par­roc­chi­ani, per i i 20 mila euro stanziati dal­la giun­ta regionale. Nell’ambito del­la delib­era su «con­tribu­ti per opere di stra­or­di­nar­ia manuten­zione, restau­ro, risana­men­to con­ser­v­a­ti­vo e ristrut­turazione sia di edi­fi­ci di cul­to che di edi­fi­ci con­nes­si alla prat­i­ca di con­fes­sioni reli­giose», ha trova­to pos­to il finanzi­a­men­to del­la manuten­zione stra­or­di­nar­ia dell’impianto di riscal­da­men­to e irrag­gia­men­to del­la chiesa dei San­tis­si­mi Apos­toli Pietro e Pao­lo. Il pre­ven­ti­vo di spe­sa per la mes­sa a nor­ma dell’impianto di riscal­da­men­to è di 57.750 euro. Fino­ra, nonos­tante la buona volon­tà e il con­trib­u­to di fedeli, enti e isti­tuzioni, la cifra rac­col­ta era lon­tana da quel­la nec­es­saria. Oggi il par­ro­co sor­ride e spie­ga: «Voglio ringraziare la Regione nel­la per­sona dell’assessore che ha pro­pos­to il con­trib­u­to, Mas­si­mo Gior­get­ti, e il con­sigliere comu­nale di Tor­ri, Alber­to Tomei, che mi ha indi­ca­to ques­ta pos­si­bil­ità. Se infat­ti oggi pos­si­amo essere con­tenti per avere com­ple­ta­to la rac­col­ta di fon­di nec­es­sari a ques­ta impre­sa è pro­prio gra­zie a questo inat­te­so inter­ven­to». Gra­zie alle offerte dei fedeli e a una pesca di benef­i­cen­za che ave­va frut­ta­to 13.500 euro, e alla gen­erosità di alcu­ni pri­vati, si era­no rac­colti già oltre 23mila. «Altri ottomi­la», pros­egue mon­sign­or Luciano, «sono già arrivati dal Ban­co Popo­lare di Verona». Un inter­ven­to, quel­lo sul vec­chio impianto di riscal­da­men­to, nec­es­sario per­ché non fun­zion­a­va più e non era anor­ma. Il sis­tema nuo­vo è già in fun­qione in 16 par­roc­chie del­la dio­ce­si. «Ora», con­clude mon­sign­or De Agos­ti­ni, «siamo in fase di sper­i­men­tazione dell’impianto. Quan­do sarà fun­zio­nante, inviter­e­mo alla mes­sa che fare­mo alla fine dei lavori, anche tut­ti i rap­p­re­sen­tan­ti delle isti­tuzioni che ci han­no aiutato».