Sono state tolte le impalcature. La sistemazione è costata al Comune 140mila euro

Ultimati i lavori sull’antica Torre dell’orologio

11/06/2009 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
S.Z.

ono durati sei mesi i lavori di restau­ro del­la torre dell’orologio di Salò, che, ieri, tolte le impal­ca­ture, è sta­ta riscop­er­ta. Spe­sa com­p­lessi­va: 140 mila euro. Sis­te­m­ate le stanzette interne, revi­sion­ati l’illuminazione e l’orologio, puli­ti gli affres­chi, rifat­te le malte e le tin­teggia­ture, recu­perati i col­ori orig­i­nari. Un inter­ven­to di pre­gio, l’ultimo effet­tua­to dal sin­da­co uscente Giampiero Cipani, che per qualche giorno di ritar­do sul­la tabel­la pre­vista non ha avu­to la pos­si­bil­ità di inau­gu­rar­lo. La por­ta del­la Fos­sa era inseri­ta in un sis­tema di bas­tioni, risalen­ti all’epoca di Ezzeli­no da Romano (1258 cir­ca): muni­ta di torre, ave­va una saraci­nesca con ponte lev­a­toio. Nel 1554 fu nom­i­na­ta una com­mis­sione con l’incarico di effet­tuare un restau­ro totale. La for­ma attuale risale invece al 1766. La strut­tura, chia­ma­ta por­ta Nuo­va dopo il rifaci­men­to, venne alza­ta, ed ebbe pin­na­coli, pigne e cus­pi­di in stile baroc­co. Romual­do Tur­ri­ni la decorò. Poiché i solai interni minac­cia­vano di crol­lare, trent’anni fa la torre è sta­ta restau­ra­ta e con­sol­i­da­ta, ripor­tan­do alla luce gli affres­chi esterni. I due pic­coli locali al piano ter­ra sono usati dal Comune per pub­bli­ciz­zare le man­i­fes­tazioni estive. Ai piani supe­ri­ori, il Comune ha con­ces­so ospi­tal­ità ad alcune asso­ci­azioni: aero­nau­ti­ca, , dec­o­rati al val­ore civile.

Parole chiave: