A settembre aprirà l’asilo nido. Part-time o giornaliero il servizio rivolto prioritariamente ai residenti

Una scuola a misura di famiglia

16/05/2004 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Elena Cerqui

Da set­tem­bre anche Maner­ba avrà un asi­lo nido comu­nale che potrà ospitare una trenti­na di bam­bi­ni. Il paese com­pirà così un pas­so in avan­ti nel­la qual­ità dei servizi offer­ti alle famiglie res­i­den­ti. Sono ter­mi­nati pro­prio in questi giorni i lavori di sis­temazione dell’edificio che si tro­va in via Don Meri­ci, vici­no all’attuale scuo­la mater­na. L’opera è frut­to di un piano inte­gra­to d’intervento sot­to­scrit­to dall’amministrazione comu­nale con un’impresa pri­va­ta del val­ore di 350 mila. La strut­tura è dis­lo­ca­ta tut­ta sul piano ter­ra per una super­fi­cie di 250 metri quadri e l’ingresso prin­ci­pale sarà pro­prio in comu­ni­cazione con la scuo­la mater­na. L’interno è sta­to stu­di­a­to apposi­ta­mente con tavolati divi­sori bom­bati e mobili adat­ti per i più pic­ci­ni. Il nuo­vo asi­lo nido comu­nale sarà dato in ges­tione alla coop­er­a­ti­va sociale Area, che già gestisce altri asili nido del­la zona come quel­lo di San Felice. «Abbi­amo potu­to parte­ci­pare anche al liv­el­lo prog­et­tuale dell’opera — dice Luca Boni­ni ammin­is­tra­tore del­e­ga­to del­la coop­er­a­ti­va — e questo ci ha per­me­s­so di dis­porre le pareti e i mobili nel modo migliore per i bam­bi­ni. Qual­si­asi spazio è prog­et­ta­to per loro, e anche gli ampi spazi comu­ni per­me­t­tono l’intrecciarsi delle varie attiv­ità, e sono per­mutabili in spazi più pic­coli sec­on­do le loro esi­gen­ze». Nell’asilo nido ci sarà spazio per l’area psi­co­mo­to­ria, l’area del­la manipo­lazione, log­i­ca, espres­si­vo-comu­nica­ti­va, dell’ambiente, sociale-affet­ti­va, del­la nan­na. Sarà anche pre­dis­pos­to lo spazio per la cuci­na nell’eventuale pos­si­bil­ità di una men­sa inter­na. Oltre alle edu­ca­tri­ci, sarà pre­sente anche uno psi­coter­apeu­ta a dis­po­sizione anche dei gen­i­tori, e sarà pos­si­bile l’inserimento di tiroci­nan­ti e volon­tari. Il micronido per­me­tte due modal­ità di fre­quen­tazione part-time (dalle 8 alle 13 o dalle 13 alle 18) ed una full-time nel­la fas­cia dalle 8 alle 16. Le iscrizioni per i trenta posti disponi­bili sono aperte fin d’ora, fino al 30 giug­no, e riguardano i bam­bi­ni di famiglie res­i­den­ti sul ter­ri­to­rio di Maner­ba: solo in caso rimangano posti disponi­bili si aprirebbe l’accesso al resto del­la Valte­n­e­si. Il cos­to del­la ret­ta non è sta­to anco­ra fis­sato ma ver­rà cal­co­la­to basan­dosi sul­la dichiarazione Isee di cias­cu­na famiglia, e si aggir­erà sulle cifre degli asili nido comu­nali del­la zona (pre­sum­i­bil­mente attorno ai 450 euro men­sili). Sec­on­do il sin­da­co Berti­ni «dal momen­to che l’asilo è comu­nale sarà dato un sosteg­no al paga­men­to del­la ret­ta men­sile per chi ne avesse bisog­no, e a chi avesse par­ti­co­lari prob­le­mi eco­nomi­ci i daran­no ulte­ri­ori aiuti».

Parole chiave: