Il Governo finanzia con 1,8 Mln prime opere di ristrutturazione

Velodromo Montichiari: Cambiaghi “al “tavolo Lombardia” trovata soluzione per la riapertura dell’impianto bresciano”

12/01/2019 in Attualità
Parole chiave:
Iscriviti al nostro canale
Di Redazione
Trova­ta la soluzione per riaprire il Velo­dro­mo di Mon­tichiari (BS). Con un finanzi­a­men­to di 1,8 mil­ioni di euro, sta­bil­i­to con Decre­to del­la Pres­i­den­za del Con­siglio dei Min­istri, si pro­ced­erà ad avviare i lavori urgen­ti di ristrut­turazione per per­me­t­tere l’ag­i­bil­ità e il dis­se­que­stro del­l’impianto sporti­vo bres­ciano.

L’ac­cor­do è sta­to trova­to al Tavo­lo isti­tuzionale di Palaz­zo Lom­bar­dia che ha vis­to riu­ni­ti l’asses­sore regionale allo Sport, Mar­ti­na Cam­bi­aghi, in qual­ità di coor­di­na­tore, il sin­da­co di Mon­tichiari, Mario Frac­caro, Coni Servizi e i rap­p­re­sen­tan­ti del­la Fed­er­azione Ciclis­ti­ca nazionale e regionale.

AL VIA I LAVORI, TAVOLO REGIONE RESTA APERTO

L’ac­cor­do prevede come pri­mo lot­to di lavori, il via lib­era all’ap­pal­to per il rifaci­men­to del­la cop­er­tu­ra, la levi­gatu­ra del­la pista e la prog­et­tazione del­la parte strut­turale e del con­sol­i­da­men­to sta­ti­co del­l’impianto di Mon­tichiari, tutte opere che ver­ran­no cop­erte con il finanzi­a­men­to statale.
E’ sta­to con­corda­to che, per accel­er­are i tem­pi, la stazione appal­tante sarà gesti­ta da Coni Servizi e la prog­et­tazione, che prevede una spe­sa di 120 mila euro, sarà a cari­co del comune di Mon­tichiari.

Il tavo­lo tec­ni­co in Regione Lom­bar­dia rimar­rà aper­to per garan­tire un sec­on­do lot­to di lavori, che riguarderà gli inter­ven­ti di riqual­i­fi­cazione, come l’ab­bat­ti­men­to delle bar­riere architet­toniche, l’ef­fi­cien­ta­men­to del­l’impian­tis­ti­ca e la sis­temazione delle aree esterne.

VELODROMO UNICA STRUTTURA COPERTA IN ITALIA

La riqual­i­fi­cazione del­l’impianto è deter­mi­nante per lo sport in gen­erale, e soprat­tut­to per il ciclis­mo su pista, a liv­el­lo nazionale. Quin­di — ha com­men­ta­to l’asses­sore Cam­bi­aghi — cercher­e­mo di riat­ti­vare l’impianto il più rap­i­da­mente pos­si­bile. Si trat­ta del­l’u­ni­ca strut­tura cop­er­ta del nos­tro Paese. Un risul­ta­to rag­giun­to anche per il diret­to inter­es­sa­men­to del sot­toseg­re­tario alla Pres­i­den­za del Con­siglio dei Min­istri Gian­car­lo Gior­get­ti. A lui e a tut­to il suo staff van­no i ringrazi­a­men­ti del­la Regione e di tut­to lo sport lom­bar­do”.

ATTENZIONE AL TERRITORIO E AGLI IMPIANTI SPORTIVI

“Ho segui­to da vici­no tut­to l’iter del velo­dro­mo — ha con­clu­so l’asses­sore regionale Mar­ti­na Cam­bi­aghi — e ho vis­to le con­dizioni del­la strut­tura a poche set­ti­mane dal­la sua chiusura. In questi mesi abbi­amo lavo­ra­to coor­di­nan­do la regia di un tavo­lo di lavoro. L’ot­ti­mo risul­ta­to rag­giun­to con­fer­ma la vic­i­nan­za di Regione Lom­bar­dia e di tut­ti gli inter­locu­tori coin­volti al ter­ri­to­rio, alle sue strut­ture sportive”.
(Le foto di LDP sono rel­a­tive alla gior­na­ta inau­gu­rale nel mag­gio del 2009) 
Parole chiave:

Commenti

commenti