Stamattina in Dogana Veneta convegno internazionale. Tra le novità il «nettare» ricavato dai fichi d’India. Aumentati espositori e visitatori: presente Apimondia, big del settore

Vetrina europea per il miele

08/10/2006 in Manifestazioni
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Sergio Bazerla

È sta­to il miele prodot­to dai fichi d’india a polar­iz­zare l’interesse degli avven­tori ma anche degli esper­ti nel set­tore, fra cui gli Api­mon­dia, all’inaugurazione delle ven­tisettes­i­ma edi­zione de «I Giorni del Miele»: un miele prodot­to da alcu­ni api­coltori «noma­di» del­la Regione Abruz­zo da anni impeg­nati a cer­care di pot­er fare uno scoop nel­la pro­duzione mieli­fua ital­iana, la migliore per qual­ità a liv­el­lo mon­di­ale. La fiera del miele assur­ta a fiera nazionale gra­zie alla cer­ti­fi­cazione del min­is­tero delle politiche agri­cole è oggi più che mai un rifer­i­men­to a liv­el­lo europeo, in costante cresci­ta e sem­pre più aprez­za­ta sot­to ogni pun­to di vista. Sono oltre ottan­ta gli espos­i­tori che si sono con­te­si lo spazio dell’ex cam­po di cal­cio in local­ità Mar­ra, a ridos­so del castel­lo scaligero, ben il 10 per cen­to in più rispet­to alla pas­sa­ta edi­zione con cir­ca il 70 per cen­to appan­nag­gio degli api­coltori ed il restante 30 ris­er­va­to al mon­do delle attrez­za­ture e degli stru­men­ti più sofisti­cati per la cura e l’incremento dell’apicoltura a liv­el­lo nazionale. Per la pri­ma vol­ta in asso­lu­to, a Lazise, sono arrivati gli api­coltori di Mon­tal­ci­no e un folto grup­po di pro­dut­tori di miele dal­la Sardeg­na. A tagliare il nas­tro assieme al sin­da­co di Lazise, l’onorevole Pier­al­fon­so Frat­ta Pasi­ni, il col­le­ga di par­ti­to Aldo Branch­er, i sin­daci di e Cavaion Veronese, l’assessore provin­ciale all’agricoltura Dion­i­sio Brunel­li, il rap­p­re­sen­tante del­la Cam­era di Com­mer­cio e del­la Con­f­com­mer­cio. «Oggi più che mai Lazise rap­p­re­sen­ta, sen­za tema di smen­ti­ta, la cap­i­tale ital­iana del miele», ha esor­di­to il sin­da­co Ren­zo Frances­chi­ni, «per­chè Lazise ha rag­giun­to oggi l’eccellenza del prodot­to, degli espos­i­tori, del­la qual­ità. Qual­ità indis­cus­sa da tut­ti, anche da Api­mon­dia, il cui con­veg­no sulle pic­cole e gran­di fil­iere che si svol­gerà oggi, domeni­ca, nel­la , san­cirà anco­ra una vol­ta che la tutela dell’ape è la chi­ave di vol­ta per portare il miele ital­iano all’eccellenza mon­di­ale. Da 27 anni Lazise si sforza di offrire ai pro­dut­tori di miele, agli oper­a­tori del set­tore, accoglien­za, disponi­bil­ità, sosteg­no, affinchè questo impor­tante set­tore dell’agricoltura abbia a svilup­par­si ed a portare i migliori risul­tati per la salute, il benessere, la tutela dell’ambiente e del cit­tadi­no». «Oggi più che mai il mon­do dell’apicoltura rap­p­re­sen­ta la salubrità del­la nos­tra ter­ra», ha sot­to­lin­eato il rap­p­re­sen­tante del­la Cam­era di Com­mer­cio Baz­zani, «e pro­prio per questo cer­chi­amo in tutte i modi di far sì che queste impor­tan­ti man­i­fes­tazioni abbiano il sosteg­no degli impren­di­tori, degli oper­a­tori tur­is­ti­ci, del­la ris­torazione, dei media affinchè il nos­tro ter­ri­to­rio sia il seg­no del miglior habi­tat e del­la migliori vivi­bil­ità del ter­ri­to­rio». Inizia sta­mat­ti­na alle 9,30, il con­veg­no inter­nazionale, in Dogana Vene­ta, pro­mosso dal­la Fed­er­azione Api­coltori Ital­iani e patro­ci­na­ta da Api­mon­dia assieme ai min­is­teri del­la salute, delle politiche agri­cole e dalle Cit­tà del Miele. I lavori sono coor­di­nati dal pres­i­dente del , Raf­faele Cirone. Ha dato la sua ade­sione il neo pres­i­dente di Api­mon­dia, Asger Sogaard Jor­gensen, cui spet­ta par­lare per pri­mo. Gli argo­men­ti trat­tati sono prin­ci­pal­mente rel­a­tivi all’emergenza antibi­oti­ci sulle api.

Parole chiave: -