sabato, Giugno 15, 2024
HomeAttualità«Anas, lasciaci gestire la Gardesana Occidentale»
Provincia e Comuni altogardesani chiedono all’Anas la gestione diretta della Gardesana Occidentale. L’obiettivo è l’attuazione di una più efficace azione di manutenzione, finalizzata ad incrementare il decoro ed il miglioramento turistico, paesaggistico e ambientale della Gardesana nel tratto compreso fra Salò ed il confine trentino, oltre Limone.

«Anas, lasciaci gestire la Gardesana Occidentale»

Sono anni che gli enti locali chiedono inutilmente all’Anas più attenzioni per questo tratto di strada che attraversa un paesaggio unico al mondo qual è quello del lago di Garda, che cattura ogni anno ben 20 milioni di pernottamenti. Ora ci riprovano. L’iniziativa è dell’assessore ai Lavori pubblici della Provincia, Mauro Parolini, che avanza una proposta concreta, presentata anche all’assessore regionale Cattaneo durante un incontro svoltosi a Salò con i sindaci dell’Alto Garda. La proposta per ora si è tradotta in una bozza di convenzione fra Anas, Provincia e Comuni interessati affinché si realizzi, anche con il contributo economico delle comunità locali e della Provincia, una più efficace azione di manutenzione.«La Gardesana Occidentale è una strada vitale per il medio e alto lago – spiega Parolini -, non solo per spostamenti e collegamenti fra località, ma anche come struttura inserita nel paesaggio. Anas ha garantito la realizzazione di opere di riqualificazione e messa in sicurezza, interventi di manutenzione straordinaria quali smaltimento acque, protezione dei versanti, segnaletica, bitumatura, barriere, impiantistica e la transitabilità dell’arteria. Ma sindaci e Provincia puntano a realizzare ulteriori miglioramenti. Riguardano la manutenzione ordinaria, quegli aspetti particolari che nell’ambito di un’area paesaggisticamente pregevolissima assumono ulteriore rilievo».Da qui la proposta di un intervento di Comuni e Provincia per curare verde, pulizia, arredo delle piazzole di sosta. «Per questo – conclude l’assessore – raccogliendo le sollecitazioni dei Comuni rivieraschi, ho proposto ad Anas di stipulare una convenzione. Se la risposta sarà positiva interverremo in tempi rapidi. Sono certo che anche in questo caso la collaborazione con la Comunità montana e i Comuni dell’Alto Garda produrrà un significativo miglioramento delle condizioni della strada». 

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video