sabato, Maggio 25, 2024
HomeAttualitàArco per la giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne

Arco per la giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne

Per la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, la Stagione di prosa 2017/2018 dei Comuni di Riva del Garda, Arco e Nago-Torbole propone venerdì 24 novembre al Centro giovani intercomunale Cantiere 26 ad Arco lo spettacolo di e con Marina Senesi «Doppio taglio», tratto da una ricerca Cristina Gamberi, con le voci di Filippo Solibello e Marco Ardemagni di Caterpillar AM (Rai Radio Due) a raccontare come i media trattano il tema della violenza di genere, talvolta insinuando sottilmente gli stessi meccanismi discriminatori che sono alla base della violenza stessa. Regia Lucia Vasini, musiche originali Tanita Tikaram, luci di Arnaldo Ruota. Lo spettacolo è patrocinato dalle Pari Opportunità Rai. Inizio alle 21.

«Doppio taglio» affronta il tema della violenza contro le donne con sguardo trasversale: non il racconto della vittima, né quello di un testimone o tanto meno del carnefice, ma il disvelo di curiosi meccanismi comunicativi che agiscono sottotraccia fino a distorcere la nostra percezione del fatto, trasformando anche la più sincera condanna in un’arma, appunto, a «doppio taglio».

Marina Senesi è un’attrice e un’autrice che si è sempre distinta per la capacità di fondere in un’unica cifra la forza dell’ impegno e il gioco dell’ironia. Cristina Gamberi è dottore di ricerca in studi di genere all’Università di Napoli Federico II e ideatrice di percorsi formativi nelle scuole sull’educazione al genere. Dal loro incontro è nata l’idea di adattare al palcoscenico una ricerca accademica della Gamberi, decostruendo l’impianto lessicale e iconografico degli articoli diffusi su stampa e web, per indagare il taglio comunicativo che i media applicano, talvolta persino involontariamente.

«Quando Marina mi ha coinvolto in questo progetto, ho immediatamente detto di sì – dice Lucia Vasini – per l’entusiasmo e la sincerità che la contraddistingue in ogni viaggio all’interno del teatro civile. Quando una sera dopo le prove mi ha telefonato a casa per dirmi “Andiamo a Londra domani a incontrare Tanita Tikaram?”, ho detto subito di sì senza pensare a nient’altro se non alla voce magica di questa grande musicista. L’incontro con Tanita è stato veloce, giusto il tempo della colazione nel centro della città. Ma in quelle due ore il tempo si è dilatato come succede durante i veri incontri… E allora le note di regia vorrei fossero proprio le parole di Tanita, formulate in un divertente italiano, attraverso una domanda diretta a Marina mentre velocemente raggiungevamo la metropolitana per il ritorno a Milano: “Marina, io non credo che il tuo racconto urli aggressivo, vero?” Ci siamo guardate e intese: “No, no!” abbiamo risposto in coro».

La proposta fa parte di «Cantiere Teatro», la rassegna che all’interno della Stagione di prosa è dedicata al teatro giovanile e d’impegno civile, per la cura dell’associazione Luha-ArtSurvivalKit.

La Stagione di prosa è organizzata dai Comuni di Riva del Garda, Arco e Nago-Torbole con la collaborazione del Coordinamento teatrale trentino (per il teatro), del Centro servizi culturali Santa Chiara (per la danza) e dell’associazione Luha-ArtSurvivalKit (rassegna «Cantiere Teatro»).

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video