domenica, Aprile 21, 2024
HomeAttualitàCarabinieri a scuola, per informare

Carabinieri a scuola, per informare

I carabinieri in classe alle scuole medie per informare i ragazzi delle classi prima e seconda media dell’Istituto Falcone-Borsellino sui rischi della rete, del come arginare il bullismo ed il cyberbullismo e come agire nella legalità.

Nell’aula magna della scuola hanno preso la parola dapprima il comandante della compagnia di Peschiera del Garda Maggiore Francesco Milardi e successivamente il comandante della locale stazione dei carabinieri luogotenente Gian Luca Battaglia.

Uno dei temi che ha molto interessato i ragazzi è stato il furto dell’identità e non da meno la messa in rete, ovvero la “postazione” di foto osè o compromettenti per arrecare un danno altrui ingiusto.

E proprio su questi argomenti attuali e scottanti i carabinieri hanno presentato ai ragazzi esempi e fatti realmente accaduti evidenziando quindi i pericoli quotidiani che emergono dal web soprattutto nello chattare con sconosciuti, evitando di fornire dati personali e sensibili ad interlocutori non noti.

Una particolare sottolineatura da parte del Maggiore Milardi è stata posta nella attenzione al fenomeno sempre crescente di mobbing nella età evolutiva, invitando i ragazzi a dialogare molto con i genitori, a segnalare ogni campanello di allarme, a ritenere le forze di polizia organi e strutture amiche per confidarsi, non disgiunte dalla collaborazione con il corpo insegnante.

Una alta pagina di attenzione è stata evidenziata dai carabinieri verso l’utilizzo delle droghe, sia leggeri che pesanti, informando specificatamente i ragazzi che se creano dipendenza sono veramente pericolose e quindi assolutamente da non usare. “Lo stesso interesse da parte dei ragazzi è stato manifestato anche per l’uso ed abuso di alcolici e super alcolici – sottolineano i carabinieri – in particolare con l’avvio della stagione estiva e con l’afflusso di giovani stranieri che sovente vengono colti in grave stato di coma etilico. Il turismo è la massa che gravita intorno alle nostre aree- hanno infine segnalato gli uomini dell’Arma – sono portatori di” non regole” e oggettive possibilità di cattiva imitazione da parte dei giovani e giovanissimi.”

Coordinati dalla docente Viviana Modena i ragazzi hanno intavolato un importante dialogo con i carabinieri ed hanno posto molteplici domande e richieste ai rappresentanti dell’Arma in relazione alle azioni comportamentali ed alla legalità per poter  essere cittadini che crescono nel rispetto della convivenza civile.

 

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dello stesso argomento

- Advertisment -

Ultime notizie

Ultimi Video