venerdì, Maggio 24, 2024
HomeAttualitàDisabili arrabbiati
Gardesana bloccata dalla protesta per salvare l’ospedale

Disabili arrabbiati

Traffico in tilt nella tarda mattinata di ieri a causa del blocco stradale attuato dall’Associazione interregionale disabili motori. Una protesta decisa, come le precedenti d’altronde, per attirare l’attenzione dei mezzi di comunicazione e dei turisti sulla chiusura del centro ortopedico riabilitativo di Val di Sogno prevista per il giugno del prossimo anno. Una manifestazione che rischia però di non produrre ancora nessun ripensamento da parte della Giunta regionale, «colpevole», secondo l’associazione, di aver decretato con l’approvazione delle schede ospedaliere la lenta agonia dell’ospedale gardesano. L’ospedale ha chiuso il 2001 con un utile di due milioni di euro e ha calamitato pazienti da diverse regioni, a partire dal confinante Trentino. «Non abbiamo altre risorse che quella delle iniziative eclatanti per tentare di ottenere ascolto dal presidente della Regione Giancarlo Galan», afferma amareggiato Roberto Bassi, presidente del movimento dei poliomielitici da mesi in piazza per salvare l’ospedale benacese, «dispiace che a rimetterci siano gli automobilisti e i turisti in vacanza ma la nostra non è una lotta per difendere gli interessi di un gruppo, ma piuttosto per il diritto alla salute dei cittadini e in particolare dei residenti dell’alto lago». Non sono mancate quindi ieri le lamentele di chi si è trovato fermo in colonna, tre-quattro chilometri in entrambi i sensi di marcia, ma anche gli attestati di stima per la battaglia intrapresa dai poliomielitici che hanno provveduto a distribuire una lettera in tre lingue per spiegare le ragioni della protesta. Il blocco stradale è stato tolto tolto attorno alle 13, dopo oltre due ore di resistenza, per far defluire il traffico e allentare un po’ la tensione nascente tra manifestanti e forze dell’ordine. Fino alle 15 però il traffico sulla Gardesana è proseguito a passo di lumaca perché i manifestanti hanno cambiato tattica: per continuare la plateale forma di opposizione alla chiusura del centro chirurgico e riabilitativo di Malcesine hanno infatti attraversato la strada ad intervalli di pochi minuti.

Nessun Tag Trovato
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video