sabato, Febbraio 24, 2024
HomeAttualitàFiera, è l’ennesimo record
I numeri dell’esposizione mitigano la delusione per l’assenza del ministro De Castro. Oltre 30mila visitatori, la festa continua nei ristoranti della zona

Fiera, è l’ennesimo record

Un successo quantitativo, con oltre 30mila visitatori stimati in quattro giorni, ma anche e soprattutto qualitativo, per l'elevato livello della proposta apprezzata da un pubblico nuovo, curioso di scoprire sapori, eccellenze, tipicità e particolarità. La Fiera di Puegnago ha festeggiato i trent'anni con il più brillante risultato della sua storia: la mancata presenza del ministro De Castro, atteso ieri pomeriggio ma assente per impegni istituzionali, non ha certo pesato su un consuntivo finale decisamente felice, che il sindaco riconduce anche e soprattutto all'anima straordinariamente vitale del paese. «E' il successo di una comunità, non di un comitato organizzativo o di un'amministrazione» ha detto ieri Comincioli a coronamento di una giornata che ha visto la presenza, al convegno sull'olio di oliva extravergine promosso da Unaprol e Aipol, di numerose presenze istituzionali: fra gli altri, l'assessore all'agricoltura della Provincia di Brescia Sergio Grazioli, il presidente di Lombardia Nino Andena, il presidente del Consorzio Colture Intensive di Brescia Giacomo Lussignoli e molti altri. Da tutti, è arrivato il giusto riconoscimento al successo di un progetto che ha voluto sverinnovare la vecchia formula della sagra per immaginare nuove e più efficaci strade di promozione integrata fra territorio e prodotti. Un progetto che, grazie anche ad un profondo rinnovamento d'immagine, ha subito centrato nel segno. Ma il pensiero del sindaco Comincioli va soprattutto «a quei 50 ragazzi del paese che hanno voluto sostenere il nuovo progetto della Fiera per riuscire a rappresentare la comunità e le sue produzioni nel modo più adeguato: tutti volontari che insieme ai 70 Amici dello spiedo, al comitato organizzativo ed ai tanti professionisti e collaboratori hanno trascinato una comunità che si è messa in moto per presentare laValtenesi e le sue produzioni ad un consumatore che sta diventando sempre più attento. Il messaggio più bello è quello lanciato da questi giovani. Il successo è merito soprattutto loro». Certo, ai «gastronauti» e golosi vari in visita la Fiera ha offerto tanto: oltre 50 extravergini monocultivar giunti da ogni angolo d'Italia, le 50 grappe del concorso Alambicco del Garda, l'incommensurabile formaggio Garda di Tremosine stagionato. Ma il vero trionfo è stato quello dell'accoppiata spiedo-, destinata a tornare in scena nei prossimi tre mesi. L'altra grande novità infatti è che quest'anno la Fiera prosegue fino alla fine dell'anno all'insegna di questo matrimonio enogastronomico. Fino a dicembre infatti spiedo e Groppello verranno proposti da una ventina tra ristoranti, hosterie ed agriturismo di tutto il Garda bresciano, oltre che da una serie di «serate in cantina» nelle migliori aziende agricole di Puegnago e della Valtenesi. Per il calendario delle serate e la lista dei locali, si può visitare il sito www.puegnagofiera.com, o telefonare al 349-8646726.

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dello stesso argomento

- Advertisment -

Ultime notizie

Ultimi Video