venerdì, Giugno 21, 2024
HomeAttualitàFiera, subito al lavoro per il trentennale
L’appuntamento benacense è divenuto ormai un punto di riferimento per le produzioni di qualità. Positivo il bilancio della rassegna agricola dedicata a groppello, olio e grappa

Fiera, subito al lavoro per il trentennale

Tira le somme la 29esima edizione della Fiera dell’agricoltura e dell’artigianato di Puegnago, che anche quest’anno chiude con un bilancio positivo. Il comitato organizzativo, presieduto da Silvano Zanelli, pensa già alla prossima edizione, quella del trentennale. Purtroppo quest’anno la tre giorni ha dovuto fare i conti anche con le bizze del tempo, ma migliaia di persone non hanno mancato di visitare la fiera, sempre più vetrina agroalimentare di carattere sovraregionale. La nuova formula organizzativa, con isole del gusto che proponevano differenti proposte di ristorazione e degustazione, ha riscosso grande successo; così come il riservare una giornata della fiera ad ognuno dei prodotti autoctoni: groppello, grappa e olio extravergine d’oliva. Il groppello e la grappa sono stati protagonisti di concorsi di qualità, rispettivamente il «Groppello d’oro» e «L’alambicco del Garda», mentre lunedì sera si è tenuto il convegno sul futuro dell’olivicoltura gardesana e lombarda che ha richiamato una foltissima platea grazie anche alla partecipazione del professor Giuseppe Fontanazza, la più autorevole figura scientifica nell’ambito olivicolo nazionale. Fontanazza, direttore dell’Iro-Cnr di Perugia per la sezione olivicoltura, è stato scelto dall’Aipol, l’associazione dei produttori olivicoli lombardi, come secondo destinatario del premio internazionale «Olivo d’Oro-Natura, salute e cultura». «Una scelta obbligata – ha detto il sindaco Comincioli – perché il professor Fontanazza ha confermato anche a Puegnago di essere ormai diventato un autentico punto di riferimento per tutti i produttori olivicoli impegnati sul fronte della salvaguardia dei patrimoni di tipicità del territorio, e sulle nuove sfide che vedranno protagonista l’olivicoltura mondiale». La Fiera di Puegnago vuole farsi interprete delle nuove esigenze promozionali dell’agricoltura locale, fatta di piccole imprese e produzioni di nicchia che non hanno timori riverenziali nei confronti dei mercati globalizzati, ed in questo senso non manca il sostegno delle diverse autorità istituzionali. .

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video