domenica, Maggio 19, 2024
No menu items!
HomeAttualitàFrana sulla strada: torna la paura
La scorsa notte lo smottamento sulla Gardesana occidentale, appena al di là del confine trentino,
Solo per un miracolo non ci sono stati danni a persone o cose

Frana sulla strada: torna la paura

Una frana si è abbattuta sulla Gardesana Occidentale nella notte tra giovedì e venerdì, all’incirca verso le ore 1.30. Non sono stati registrati danni a persone o automezzi, ma l’allarme è scattato immediatamente.Lo smottamento, di un paio di metri cubi di dimensione, si è abbattuto appena al di là del confine trentino, proprio di fronte al monumento che ricorda gli undici minatori morti sul lavoro mentre era in costruzione la Gardesana Occidentale nel suo tratto tra Gargnano ed il confine trentino, tra il 1928 ed il 1931.Appena avvisato della frana, il sindaco di Limone, Franceschino Risatti, ha fatto scattare il piano di emergenza, attraverso il quale il comandante dei vigili, Santoro ha messo in allerta tutti gli alberghi che, in questa stagione, stanno lavorando a pieno regime. Il che significa circa 10.000 ospiti, oltre al migliaio di abitanti e alle 2.000 persone impiegate nelle strutture ricettive. Parecchi turisti, ieri mattina, sono rimasti in attesa dei pulman provenienti da Riva che, naturalmente, hanno trovato la strada sbarrata.Risatti, verso le 5.30 si è messo in contatto con Raffaele De Col, ingegnere che sovrintende la viabilità trentina, il quale a sua volta ha messo subito in movimento la macchina organizzativa della vicina Provincia Autonoma. La strada è stata quindi sgomberata in breve tempo, ma per la riapertura al traffico si è dovuto aspettare mezzogiorno. In mattinata, poco dopo le 8, un elicottero con a bordo tecnici e geologi della Regione Trentino ha ispezionato l’area. Alle 9 sono entrati in azione i rocciatori, impegnati nell’opera di rimozione manuale dei frammenti di roccia pericolanti, circa una cinquantina di metri a monte della strada. La maggiorparte del pietrame è comunque rimasto imbrigliato nelle reti paramassi deposte a protezione della strada statale.Nel frattempo, già dalle 6.30 l’ufficio informazioni di Limone era già operativo ed i vigili avevano chiuso la Gardesana da Sud, mentre sul versante trentino era intervenuta la polizia stradale.La situazione si è normalizzata solamente verso mezzogiorno, dopo un continuo andirivieni di funzionari del Comune di Limone, sindaco in testa, impegnati nello sveltire i lavori e in stretto contatto con i responsabili trentini che, ha detto Risatti, «hanno confermato una grande professionalità e disponibilità». Le lunghissime code che, nel frattempo, si sono formate sulla Gardesana hanno provocato alcuni episodi di nervosismo: qualche automobilista ha alzato la voce ed altri hanno sfiorato solo per un soffio la scazzottata.A fine maggio si era verificato un episodio simile qualche chilometro più a sud, all’altezza dell’albergo Forbisicle, dove attualmente si sta lavorando alla costruzione del nuovo tunnel. In quell’occasione si staccò un masso di grosse dimensioni e solo per miracolo non ci fu una tragedia. In quell’istante stava infatti passando un’automobile di una famiglia tedesca: l’auto fu colpita e gravemente danneggiata, ma per le persone a bordo solo tanta paura.Tra le cause dell’ultimo smottamento sembra ci sia la pioggia caduta nei giorni scorsi, che ha smosso un po’ del materiale appoggiato alla dorsale della montagna.

Articolo precedente
Articolo successivo
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

- Advertisment -

Ultime notizie

Ultimi Video