sabato, Febbraio 24, 2024
HomeAttualitàIl 27 gennaio è la Giornata della Memoria

Il 27 gennaio è la Giornata della Memoria

Domenica 27 gennaio ad Arco, Riva del Garda e si celebra la Giornata della Memoria, rispettivamente con lo spettacolo per bambini «E sarai salvo nel mio cuore», con la cerimonia del Ricordo (la commemorazione ufficiale dei tre deportati arcensi ad Auschwitz e il ricordo di Leo Zelikowski) e con la presentazione in anteprima assoluta del libro di David Gerbi «Refugee=Rifugiato» (ed. Il Margine, Trento, 2013). Istituita dal Parlamento italiano per commemorare l'Olocausto, la Giornata della Memoria è celebrata oggi da diverse Nazioni e anche dall'Onu, in sèguito ad una risoluzione del 2005: per non dimenticare le vittime del nazionalsocialismo e del fascismo, e per ricordare coloro che a rischio della vita hanno protetto i perseguitati.  A Nagova in scena lo spettacolo per bambini «E sarai salvo nel mio cuore», a cura di Teatro per Caso e nell'ambito della rassegna per ragazzi «Teatro a Gonfie Vele», al teatro della comunità con inizio alle ore 16.30.Ad Arco al monumento ai deportati ebrei arcensi, ai giardini pubblici di via Bruno Galas, dalle ore 16.30 si svolge la cerimonia del Ricordo, la commemorazione ufficiale dei tre deportati arcensi ad Auschwitz e il ricordo di Leo Zelikowski, con l'intervento di .A Riva del Garda all'auditorium del con inizio alle ore 20.30 si presenta in anteprima assoluta il libro di David Gerbi «Refugee=Rifugiato» (ed. Il Margine, 2013) a cura di Maria Luisa Crosina, presenti l'autore, Maria Luisa Crosina, Adel Jabbar, padre Lucio Pinkus e Paolo Ghezzi; con musiche di Enrico Toccoli (pianoforte) e Pervin Chakar (voce). «E sarai salvo nel mio cuore»Compagnia Teatro per CasoDomenica 27 gennaio, ore 16.30, casa della comunità di NagoEtà consigliata: dai 6 anni in suÉ proprio lì che sarai salvo: proprio nel mio cuore. Non avrai più nulla da temere, nel mio cuore. Lì, nel mio cuore, ascolterai le parole più belle; guarderai i cieli più tersi; i colori più vivi e lucenti… Sì, sì, proprio nel mio cuore. Nel mio cuore non avrai più paura e potrai crescere felice, nel mio cuore sarai salvo, niente potrà farti male e berrai l'acqua più pura e stelle vedrai, stelle a milioni caderti in faccia e riderai, riderai nel mio cuore ridente. Tu sarai salvo lì, nel mio cuore di bellezza e coltivato come un giardino segreto. Nel cuore mio. Per la Giornata della Memoria un delicato messaggio d'amore   Refugee=Rifugiatodi David Gerbi (presentazione in anteprima assoluta)Domenica 27 gennaio, auditorium del Conservatorio, Riva del Garda, inizio alle ore 20.30Presentazione a cura di Maria Luisa Crosina, presenti l'autore, Maria Luisa Crosina, Adel Jabbar, padre Lucio Pinkus e Paolo Ghezzi; con musiche di Enrico Toccoli (pianoforte) e Pervin Chakar (voce). David GerbiÈ nato in Libia da una famiglia ebraica benestante, religiosa e rispettata. Oggi è cittadino italiano. All'età di 12 anni a causa della guerra dei sei giorni è diventato profugo assieme a tutta la famiglia. Oggi, dopo aver fatto mille mestieri è psicologo, psicoterapeuta e analista junghiano. É stato membro dell'AIPA (Associazione italiana di psicologia analitica), membro ordinario e didatta dell'IIJP (Israel institute of junghian psichology), membro della IAAP (International association analytical psychology), del COMIN (Comitato di informazione e iniziative per la pace). Arrivato come rifugiato a Roma nel 1967, nel 2004 è stato invitato come testimone di pace del UNHCR (United Nation high commision for refugee) e nominato ambasciatore di pace in Sud Africa nel 2007. Impegnato a promuovere il dialogo di pace tra ebrei di Libia e i mussulmani di Libia, il riavvicinamento tra il mondo europeo e quello arabo e in particolare tra la Libia e l'Europa. Ha contribuito alla normalizzazione dei rapporti tra la Libia e gli Stati Uniti. Ha utilizzato l'arte dello scrivere e quello dello spettacolo come strumento di trasformazione interna ed esterna e come veicolo di pace per esprimere un messaggio di verità, pace e giustizia.  Attore, danzatore e sceneggiatore dello spettacolo Making peace with Qaddafi (tratto dal libro omonimo), con tournée in USA e Sud Africa nel 2006 e nel 2007. Autore del libro “Costruttori di pace”, edito in italiano nel 2003 e tradotto in inglese, giapponese, ebraico e pubblicato in versione bilingue dal Ministero degli affari esteri nel 2004. La musicaEnigme EternelleMelodie ebraiche by Maurice RavelYalgizam by Tofik GulievAzerbaijan traditional songLe le Yaman by Komitas VartapetArmenian traditional songLo SivanoKurdish traditional songKaddischMelodie ebraiche by Maurice RavelSabahin SeherindeTurkish traditional songKol Nidre by Max BruchEnrico ToccoliDiplomato in pianoforte nel 1989 con il massimo dei voti al Conservatorio Bomporti di Riva del Garda sotto la guida della professoressa Ida Tizzani. Dal 1990 al 1995 si è perfezionato diplomandosi con il maestro Fausto Zadra all'Ecole Internationale de piano di Losanna, collaborandovi nell'ultimo anno come assistente. Premiato in vari concorsi nazionali (fra cui tre primi premi a La Spezia, Macugnaga, Como), ha svolto attività concertistica in Italia e all'estero (Germania, Spagna, Francia, Svizzera) in recitals per pianoforte solo e come solista con orchestra (Orchestra Sinfonica di Sanremo, Orchestra di Manheim, Heilbronner Symphonieorchester, Orchestra di Stato della Moldavia). Ha svolto attività concertistica in formazioni cameristiche, duo, trio e quartetto e dal 1998 è docente di pianoforte ed attività collettive alla Scuola Musicale Alto Garda.Pervin ChakarNata in Turchia nel 1981, nel 2003 si è laureata all' di Gazi ad Ankara. Si è trasferita in Italia per continuare gli studi, prima all'Accademia d'Arte Lirica di Osimo, e poi all'Accademia musicale umbra di Perugia, con maestri quali Carmen Gonzalez, William Matteuzzi, Harriet Lawson, Antonio Juvarra, Sergio Bertocchi, e al Conservatorio Morlacchi di Perugia con Michela Sburlati. Ha partecipato a varie masterclass, tra le quali quella con Montserrat Caballé,  Luciana Serra, Lella Cuberli, Mietta Sighele, Veriano Luchetti e Tiziana Fabbricini. Vincitrice di diversi concorsi, da ultimo nel 2011 il 28° Concorso internazionale di canto “Maria Caniglia”, e finalista al concorso di Alcamo. Nel 2009 ha debuttato al Gran Teatro la Fenice di Venezia in “Maria Stuarda” nel ruolo di Anna Kennedy, diretta da Fabrizio Maria Carminati e con la regia di Denis Krief. Nel 2011 è uscito anche il dvd della “Maria Stuarda” per l'etichetta discografica di Major. È stata invitata a cantare dalla Fondazione Pavarotti il ruolo di Musetta nel progetto di “Vincerò” al teatro R. Valli di Reggio Emilia per il 50° anniversario del debutto del tenore Luciano Pavarotti in “La Boheme/ Vincerò”. Le sue apparizioni in concerto comprendono gli assoli da soprano nelle esecuzioni dei “Carmina Burana” eseguite in tutta Europa, e un programma di recital acclamato dalla critica, presentato al 58° Festival di Wexford, accompagnata da Rosetta Cucchi. Nel 2011, dopo il suo recital all'11° Turgutreis Music Festival in Bodrum (Turchia), è stata invitata per cantare nel “Carmina Burana” al Musica Riva Festival con World Youth Orchestra, diretta dal maestro Marco Boemi. Ha tenuto dei concerti all'auditorium Conciliazione di Roma “In Memoria di Pavarotti “, organizzato dalla Fondazione di Luciano Pavarotti. Recentemente è stata invitata dal soprano Montserrat Caballé ad un concerto a Zaragoza in Spagna. Ha partecipato ai concerti “In memoria di Pavarotti” a San Pietroburgo e al Cremlino a Mosca con l'Orchestra sinfonica di San Pietroburgo e l'orchestra Philharmonico di Mosca, diretta da Fabrizio Maria Carminati. Nell'estate del 2012 ha partecipato alla produzione del Barbiere di Siviglia al festival di Lismore, in Irlanda, con la regia di Dieter Kaegi, e nella Carmen (Frasquita) allo Sfenisterio di Macerata.

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dello stesso argomento

- Advertisment -

Ultime notizie

Ultimi Video