lunedì, Febbraio 26, 2024
HomeAttualitàLa Comunità del Garda alla 12° Conferenza internazionale “Living Lakes”
Aventino Frau: “I problemi delle acque interne devono avere valenza internazionale”

La Comunità del Garda alla 12° Conferenza internazionale “Living Lakes”

La tutela e salvaguardia dell'acqua dolce, la risorsa più importante del pianeta dopo il petrolio, devono far sentire tutti coinvolti e devono passare attraverso un approccio globale. Per questo motivo, dietro l'organizzazione della prossima Conferenza mondiale di Living Lakes ci sono i nomi di una lunga serie di soggetti istituzionali e associativi, regionali e internazionali; tutti impegnati nel voler trovare insieme le risposte più efficaci ai problemi ambientali di cui soffre la maggior parte dei bacini lacustri.Per la 12° Conferenza mondiale – dal 21 al 28 settembre prossimi – sono attesi al Trasimeno 190 delegati (40 italiani e 140 stranieri) in rappresentanza di oltre 40 laghi europei e mondiali. Ad essere chiamati a raccolta gli attori principali nella gestione dei principali laghi della terra. Giungeranno ospiti da Germania, Western Australia, Sud Africa, Guatemala, Regno Unito, Sri Lanka, Spagna, Turchia, Svizzera, Indonesia, Brasile, Ungheria, Filippine, Cina, Kenya, Estonia, Canada, Giappone, Russia, Perù, Bolivia, Messico, Israele, Giordania e Palestina.La Conferenza mondiale si svilupperà intorno al tema “Paesaggi culturali – Collegamento del valore dei paesaggi culturali alla protezione dei laghi”. Sarà un susseguirsi di workshop e riunioni plenarie, la cui organizzazione è affidata ai singoli laghi italiani (Trasimeno, Garda, Maggiore, Orta, Bolsena, Vico e Piediluco), ciascuno dei quali porterà contribuiti scientifici e tecnici, ma anche culturali e folkloristici, andando ad animare anche le serate e i momenti di svago dei partecipanti. Saranno affrontati temi quali l'uso del territorio e il mantenimento del paesaggio agrario, la conservazione delle biodiversità, le attività turistiche e del tempo libero compatibili, i cambiamenti climatici e le energie rinnovabili, gli insediamenti storici e le coltivazioni tradizionali. Sarà a cura del Presidente della , Aventino Frau, che modererà la sesta sessione – che chiude le interessanti giornate di studio programmate sul lago umbro – il coordinamento dei lavori riguardanti “I laghi e i loro valori spirituali”.Tra gli ospiti dell'evento è annunciata la presenza anche di Beate Jessel, presidente dell'Agenzia federale per la conservazione della natura tedesca, di Manfred Nick Isch, direttore internazionale Iucn, di Amado Solana Tolentino, responsabile delle politiche internazionali del Ministero dell'ambiente delle Filippine, Adnan Gencer e Serif Hizlli del Ministero dell'ambiente e delle foreste della Turchia.La manifestazione coincide anche con il decimo anniversario della costituzione di Living Lakes che sarà ricordato nel corso della Conferenza attraverso una serie di momenti celebrativi.Da questo meeting, dovranno scaturire due documenti: quello sulle linee guida per la tutela del paesaggio lacustre, valido per tutti i laghi del mondo e quello, tutto italiano, che metta in evidenza le principali emergenze e problematiche nazionali. Un documento quest'ultimo da sottoporre ai governi centrale e regionali perché ci si occupi più e meglio dei laghi. Il 26 settembre sarà inoltre presentato il progetto per una “Lakes Academy”, che dovrebbe occuparsi in maniera preminente delle problematiche legate agli effetti prodotti sui laghi dai cambiamenti climatici.All'evento è stato dedicato anche un annullo speciale da parte di .

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dello stesso argomento

- Advertisment -

Ultime notizie

Ultimi Video