mercoledì, Aprile 24, 2024
HomeManifestazioniMostreMagnum Photos a Sirmione: Paolo Pellegrin ci porta "Oltre"
Inaugura la mostra che racconta “ L’ Italia di Magnum, la Sirmione di Paolo Pellegrin”

Magnum Photos a Sirmione: Paolo Pellegrin ci porta “Oltre”

Paolo Pellegrin non era mai stato a Sirmione, non aveva mai potuto osservare, con i suoi occhi, la lingua di terra che si getta nel Lago di Garda, le Grotte di Catullo, il castello, le vie e gli scorci del centro storico. Paolo Pellegrin non era mai stato a Sirmione, fino a questa primavera, quando, giunto per completare un importantissimo progetto fotografico, resta incantato da ciò che osserva e da ciò che è in grado di rendere eterno grazie all’obiettivo della sua fotocamera.

Paolo Pellegrin è un fotografo di Magnum Photos, una delle agenzie fotografiche più importanti del mondo; membro della stessa dal 2001 e parte attiva dal 2005.

È proprio per Magnum che Pellegrin si trova a scattare a Sirmione, per completare, con tre, quattro fotografie, un’importante mostra in programma a novembre proprio nella Perla del Garda: dal titolo l’Italia di Magnum. Ed qui che accade la magia: Pellegrin inizia a scattare ciò che vede attraverso il suo occhio e si rende conto del potenziale che questi paesaggi e questi soggetti potrebbero avere. Dopo aver concluso lo shooting lascia la penisola, ma il richiamo è troppo forte e dopo qualche settimana, torna per procedere con il suo lavoro su Sirmione.

Il racconto che Pellegrin sarà in grado di raccogliere cambierà il punto di vista da cui Magnum Photos racconterà la sua Italia, la mostra si trasforma e cambia titolo, i focus si sdoppiano, Sirmione ha colpito e ha lasciato il segno – ecco nascere “OLTRE – l’italia di Magnum, la Sirmione di Paolo Pellegrin”.

LA MOSTRA OLTRE sarà in esposizione a Palazzo Callas Exhibitons, a partire dal 18 novembre. La mostra raccoglie 86 scatti: 50 dedicati all’Italia, raccontata con gli occhi di numerosi fotografi Magnum , 36 esclusivamente a Sirmione, svelata con la maestria di Pellegrin. Uno “spin off” inedito quello dedicato alla penisola di Catullo, che il pubblico potrà vedere solo a palazzo Callas, per la prima volta in assoluto.

Le 86 fotografie guideranno lo spettatore attraverso scorci di Bel Paese, dal dopoguerra ad oggi e regaleranno spunti per costruire una storia, che va OLTRE. “L’Italia è sempre stato un Paese prediletto per i fotografi di Magnum Photos”, racconta Andrèa Holzherr Global Exhibitions Manager di Magnum Photos “Se facciamo una ricerca negli archivi digitali dell’Agenzia utilizzando come parola chiave “Italia”, il risultato è di 46.497 immagini! Le prime foto sono datate 1932 e sono di un giovane Herbert List, seguito poi praticamente da tutti i fotografi dell’Agenzia, attraverso gli anni e lungo tutto il Paese, fino alle immagini più recenti, il ritratto di Sirmione di Paolo Pellegrin.

L’Italia ha sempre particolarmente attirato e ispirato i fotografi di Magnum Photos. Non solo: Henri Cartier-Bresson affermava di esservi stato concepito, mentre Chim Seymour, subito dopo la fondazione dell’Agenzia nel 1947, si trasferì a Roma all’Hotel Inghilterra affacciato sul mercato vicino a Piazza di Spagna e su Via Condotti. Immaginare una mostra sull’Italia in 50 immagini con così tanto materiale e scelta è una scommessa; è creare un mosaico dell’Italia nel quale scoprire una foto qui e là, dovendo immaginarne il resto.

Limitarsi ad una scelta così ristretta in archivi così ricchi non è stato facile ed il processo è stato talvolta doloroso. Si deve constatare che i clichè sull’Italia hanno tanta importanza quanto la finalità della scelta delle immagini: formare un insieme coerente che possa tracciare il tempo e lo spazio di questo Paese così complesso. La mostra non ha lo scopo di dare una visione esaustiva dell’Italia, di mostrare dei momenti storici, sociali o politici, ma cerca piuttosto di rivelare qualche impressione di questo Paese così singolare, così vivo”. “É stato per Magnum un grande onore che Sirmione abbia dedicato una mostra con i più grandi fotografi per festeggiare il settantesimo compleanno.” Andréa Holzherr per Magnum Photo, novembre 2017”

L’ALLESTIMENTO

Il percorso che il visitatore si troverà a vivere attraverso l’Italia di Magnum seguirà a grandi linee un ordine cronologico, ma non mancheranno raggruppamenti fotografici che proposti secondo regole stilistiche o di concetto.

“Nell’allestimento delle sale di Palazzo Callas Exhibitions abbiamo scelto di non aggiungere alcun elemento oltre alle fotografie, poiché esse, da sole, hanno una forza e una qualità tali da non necessitare di alcuna ulteriore suggestione”, racconta Mariangela Gavioli, responsabile dell’allestimento.

Sarà uno scatto di Ferdinando Scianna a dare il benvenuto al pubblico, che successivamente, avrà il piacere di incontrare, lungo il percorso, immagini di Inge Morath, Werner Bischof, Richard Kalvar, Leonard Freed, Peter Marlow, Martin Parr, per chiudere con il saluto all’Italia di Robert Capa.

Anche OLTRE “uscirà” virtualmente da Palazzo Callas Exhibitions, contaminando, con installazioni e pannelli, tutta la penisola. Le fotografie di Magnum Photos e Paolo Pellegrin faranno da richiamo a cittadini e turisti… suggerendo, in modo discreto e affascinante, una visita alla mostra. “Le fotografie nei parchi di Sirmione non fanno altro che aggiungere bellezza a bellezza, rimandando ad una immagine complessiva dell’irraggiungibile fascino del paesaggio italiano. Portare l’arte al di fuori degli spazi istituzionali è una operazione che da tempo è stata intrapresa a Sirmione, e non solo con le mostre fotografiche, nella consapevolezza che debba essere fatto ogni sforzo affinché l’arte possa andare incontro alle persone” conclude Mariangela Gavioli.

IL LIBRO La forza del progetto fotografico di Paolo Pellegrin su Sirmione è talmente dirompente da portare alla creazione di un vero e proprio libro che raccoglie questi scatti. Un volume di quasi cento pagine che racchiude, OLTRE le 36 fotografie in mostra, altri imperdibili scatti firmati dall’autore. “Sirmione”, questo il titolo del libro, sarà presentato in anteprima assoluta il 17 novembre, in occasione della conferenza stampa di inaugurazione della mostra “OLTRE – l’Italia di Magnum, la Sirmione di Paolo Pellegrin”.

Paolo Pellegrin è attualmente impegnato in un progetto per le Nazioni Unite che lo ha portato in Argentina alla scoperta dei ghiacciai più suggestivi del mondo. Scatterà in quota, da una mongolfiera, seguendo i venti che decideranno di portarlo in una o nell’altra direzione. “Fotografare Sirmione é stato come scoprire i caratteri di una persona attraverso il suo ritratto. Incontrare le sue diverse personalità in stagioni differenti é ciò che mi ha affascinato di più.” Paolo Pellegrin, novembre 2017. “Quella che mi interessa di più è una fotografia non finita, dove chi guarda ha la possibilità di cominciare un proprio dialogo […] Io presento la domanda […], poi lascio spazio ad ognuno perché si interroghi, perché si faccia un’idea” – Paolo Pellegrin in un’intervista a Mario Calabresi.

70 ANNI DI MAGNUM PHOTOS La mostra, in esposizione a Palazzo Callas Exhibitions fino al 7 marzo 2018, celebra un importantissimo anniversario. Magnum Photos compie 70 anni, e, in tutto questo tempo, non ha mai smesso di essere un vero e proprio punto di riferimento per il mondo della fotografia. Essere un fotografo Magnum è, ancora oggi, il sogno di qualunque appassionato; ciò che Magnum ha costruito nel tempo si è confermato giorno dopo giorno e si è rafforzato scatto dopo scatto. Attivi su tutti i fronti e nei cinque continenti gli oltre 60 fotografi di Magnum continuano ad alimentare un archivio che conta oltre un milione di immagini dalla Guerra di Spagna a oggi.

L’etica professionale di Magnum prevede che le immagini scattate rimangano di proprietà del fotografo Magnum e non delle riviste dove esse vengono pubblicate. Ciò ha sempre fatto sì che gli autori potessero scegliere soggetti, temi e orientare la propria produzione verso uno stile che fosse lo specchio della propria personalità e assolutamente “libero da vincoli”.

L’arrivo di Magnum Photos a Sirmione è il perfetto coronamento di un progetto di valorizzazione del territorio attraverso l’arte fotografica che già da 6 anni accompagna cittadini e turisti della Perla del Garda; un progetto voluto e realizzato dell’Amministrazione Comunale e dal Consorzio Albergatori e Ristoratori di Sirmione (CARS).

La Sirmione Photo Marathon, che quest’anno ha superato ogni record, con oltre 180 iscrizioni, il Lake Garda Photo Challenge con l’impressionante numero di 330 fotografi da tutto il mondo e 896 scatti raffiguranti il lago e Sirmione, Enjoy e Romanzo Metafisico, sono solo alcuni degli appuntamenti dedicati alla fotografia protagonisti dell’ultimo anno.

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dello stesso argomento

- Advertisment -

Ultime notizie

Ultimi Video