lunedì, Aprile 22, 2024
HomeAttualitàNel centro storico più spazi per le auto
I box sotterranei, vicino allo Sma, si potranno acquistare. Un parcheggio di 130 posti in piazza Salvo d’Acquisto, 74 alle Piazzole

Nel centro storico più spazi per le auto

Costeranno tra 22mila e 24 mila euro i box del parcheggio sotterraneo che si costruirà in piazza Salvo d’Acquisto a Maderno. Nei prossimi giorni verrà emesso il bando che consentirà ai residenti di prenotare (e acquistare) i posti auto. Ne saranno messi in vendita 80 su 130; gli altri 50 diventeranno un po’ pertinenze del supermercato Sma e un po’ a rotazione pubblica. All’amministrazione comunale l’edificio non costerà nulla, dato che lo realizzerà il centro commerciale. Sarà di un piano sottoterra. Ma potrebbe diventare di due, se le richieste dei cittadini fossero numerose.Nel frattempo a Toscolano stanno partendo i lavori di sistemazione di un altro parcheggio, alle Piazzole. Spesa prevista: 170 mila euro. Lo spiazzo erboso, che finora ha visto una sosta disordinata, verrà messo a posto e pavimentato. Gli spazi saranno delimitati, per 74 posti auto.Il piazzale Salvo d’Acquisto, intitolato all’eroe dei carabinieri che ha sacrificato la propria vita per salvare quella di altri (la statua collocata nel mezzo porta la firma dello scultore salodiano Angiolino Aime), rappresenta un polmone importante per il centro di Maderno. Si trova in prossimità del curvone e della chiesa parrocchiale. In superficie dispone complessivamente di circa 190 posti auto, un’ottantina dei quali a servizio del supermercato. Una piccola parte (15-17) verrebbe persa in seguito ai cambiamenti di volumetria e alla riduzione degli spazi occupati dalle auto; se ne aggiungeranno 130 interrati. In passato un paio di architetti della zona avevano lanciato l’idea, illustrandola in alcune assemblee. Ma l’operazione rimase sulla carta. Adesso è ripartita. Verrà individuato anche un nuovo spazio per la fermata dei bus e un ascensore consentirà di scendere nell’autosilo.Predisposto lo studio preliminare, già approvato dal consiglio comunale, Sma (che per inciso rinuncerà a una parte del magazzino esistente per ampliare il supermercato) dovrà redigere il progetto definitivo. Se la risposta dei residenti fosse entusiastica, e cioè se la prenotazione dei box superasse le aspettative, potrebbe essere presa in considerazione l’ipotesi di realizzare due piani interrati anziché uno, anche se la vicinanza del lago (e dell’acqua) costituisce un problema.Un lato della piazza è occupato dai pilastri di una vecchia limonaia. Parzialmente sistemata anni fa, contiene alberi da frutta. L’obiettivo è di recuperarla, piantare olivi, cedri, arancini amari, chiudere i pilastri con assi di legno e ricoprirla. Onere: 222 mila euro, con la speranza che la Regione eroghi un contributo del 50%, in base a una legge che sovvenziona le iniziative rivolte alla promozione, riqualificazione e valorizzazione del patrimonio culturale. La coltura degli agrumi, gradualmente scomparsa a partire dai primi decenni del secolo, ha lasciato lungo la sponda dell’Alto Garda veri monumenti di un’architettura rurale unica in Italia. A volte le imponenti strutture murarie, con i pilastri in filari, affiancate dai caselli (piccoli edifici entro cui venivano riposte le assi necessarie alla temporanea chiusura di queste serre eccezionali), sono ridotte a ruderi scheletrici, ricoperti dall’edera. Che vanno recuperati, a cominciare dal sistema di canalette di irrigazione, ancora ben visibile.

Articolo precedente
Articolo successivo
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dello stesso argomento

- Advertisment -

Ultime notizie

Ultimi Video