venerdì, Maggio 24, 2024
HomeAttualitàOggi un convegnoa Gardonesul livello del lago
Alla Comunità del Garda invitati sindaci e tutti gli enti

Oggi un convegnoa Gardonesul livello del lago

Il livello del lago e la sua regolamentazione è il tema dell’incontro di oggi alle 10, a cui la Comunità del Garda ha invitato nella sua sede di Villa Mirabella a Gardone Riviera tutti gli enti interessati. Il caso torna in duscussione a poche settimane dalla riunione promossa a Verona dall’assessore provinciale all’ambiente, Luca Coletto. Quanta acqua far defluire dal Garda verso la Lombardia? Le esigenze contrapposte sono quelle dell’irrigazioen agricola e quella di garantire la navigabilità del Garda. Le regole in vigore hanno 60 anni e sono state più volte modificate. La riunione di Verona avrebbe indicato livelli massimi e minimi per il lago per consentire anche al depuratore di lavorare bene e per non causare quei problemi ambientali che si determinano quando l’acqua è troppo bassa. A Gardone sono stati invitati i sindaci rivieraschi, i presidenti delle Province di Verona, Brescia, Mantova e Trento, quelli delle Camere di commercio, l’Agenzia interregionale per il Po (Aipo), rappresentanti di albergatori e altri enti ancora. Terrà una relazione Luigi Mille, dirigente dell’Aipo.Un allarme è stato lanciato poche settimane fa nell’Alto Garda dal sindaco di Brenzone, Giacomo Simonelli, che ha chiesto di abbassare i livelli del lago, visti i danni che le acque, sospinte dal forte vento che soffia a Brenzone, hanno già creato a spiagge, argini, frangiflutti e alle condotte del collettore fognario.Dalla Comunità del Garda, il segretario Pierlucio Ceresa anticipa le proposte del presidente Aventino Frau. Otto i punti principali, alcuni dei quali già affrontati in Provincia a Verona: «Revisione dei livelli minimo e massimo e riduzione del limite di erogazione media giornaliera; codificazione del principio di proporzionalità: gli apporti a monte del lago devono supportare le esigenze idriche nei periodi di magra, e le erogazioni devono essere proporzionate alle disponibilità; razionalizzazione dei sistemi d’irrigazione; regolamentazione dei rilasci d’acqua dai bacini idroelettrici a monte del Garda; riordino delle utenze irrigue; limitazione dell’apertura dello scolmatore Adige- Garda ai casi di assoluta necessità per piene straordinarie; interventi di canalizzazione dell’acqua del fiume Adige nel Mincio e nel sistema irriguo senza passare attraverso il lago, e revisione delle colture agricole con privilegio per quelle che hanno bisogno di meno acqua».

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video