sabato, Giugno 15, 2024
HomeAttualità«Sensora», musica e cibi per risvegliare i sensi
Domani e domenica nelle vie del centro. E ancora foto, gigantografie, danza, teatro, vini e solidarietà

«Sensora», musica e cibi per risvegliare i sensi

I cinque sensi protagonisti del fine settimana. Si chiama «Sènsora» ed è dedicata ai cinque sensi, gusto, tatto, olfatto, vista e udito, la rassegna organizzata per domani e domenica dall’amministrazione comunale, in collaborazione con i commercianti e gli esercenti locali. «In pratica», dicono gli organizzatori, «lo scopo è di stimolare i sensi dell’uomo alla fine del “letargo invernale” lacustre e all’inizio della primavera, con iniziative che coinvolgano direttamente ospiti, turisti e cittadini gardesani». E così, a poca distanza da Quaresimalia, la rassegna dedicata all’olio e all’oliva svoltasi a Torri, il gusto e l’olfatto, ad esempio, torneranno protagonisti nelle Contrade dei sapori, iniziativa in collaborazione con Slow Food Garda veronese che proporrà, sotto la guida di Angelo Peretti, degustazioni di vini pregiati dell’area gardesana. Le principali vie del centro storico verranno ribattezzate con i nomi dei vini doc e docg del Garda grazie alla collaborazione con l’associazione vignaioli del Garda e, durante il passeggio, saranno pronte le degustazioni di prodotti tipici, poi acquistabili nelle aziende abbinate ai vari negozi. Verrà presentata anche la grappa alle olive, Olivetto, prodotta da Marco Pallua con la distilleria trentina Pisoni. Per quanto riguarda la vista, si potrà assistere a un gioco di cornici virtuali tra scatti fotografici e immagini che riprodurranno in centro storico alcuni luoghi come si presentavano molti anni prima. L’udito potrà esercitarsi grazie ai numerosi musicanti di strada e, alla sera, con il concerto Lirica al tramonto, con le arie più famose di Mozart, Rossini, Puccini e altri ancora. Domenica sarà di scena al castello scaligero il tango argentino con lo spettacolo Incanti di tango, grazie all’insolito connubio tra la compagnia A media Luz e il Quintetto strumentale Estravagario: sette ballerini e cinque musicisti riproporranno uno spettacolo già apprezzato in tutta Italia. La due giorni vede anche un’iniziativa a scopo benefico, relativa all’ultimo senso, cioè al tatto. Grazie ala collaborazione con l’Unione italiana ciechi verrà allestito il bar buio: una caffetteria in cui i visitatori dovranno muoversi al buio e riconoscere l’ambiente circostante. Sarà un momento educativo e di sensibilizzazione per cercare di fare capire cosa sia costretto ad affrontare ogni giorni chi non gode più della visita. Contestualmente avverrà una raccolta di fondi a beneficio dell’associazione. Infine, spazio a momenti teatrali, di danza e circensi al castello durante l’intero week end. I biglietti per partecipare ai principali appuntamenti si acquistano all’enoteca El Gremal e al Vecchio frantoio a Navene (ai numeri 045.657.0993 e 045.740.1286).

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video