lunedì, Febbraio 26, 2024
HomeAttualitàUna motovedettaultratecnologicavigilerà sul Garda
Sarà ormeggiata a Bogliaco

Una motovedettaultratecnologicavigilerà sul Garda

Un nuovo mezzo della è in attività da oggi sul Garda. Il comandante Marco Ravanelli lo ha stanziato a Gargnano, mentre altre due barche sono a disposizione al comando di Salò. La barca prestata da Roma, che fino a ieri era a Gargnano, se n'è invece tornata alla base. La nuova imbarcazione ha caratteristiche interessanti, a partire dalla velocità (60 nodi). Si tratta di un «Classe 600» di quasi 12 metri, che dispone di mezzi e attrezzi di salvataggio specifici per il lago, oltre che per ricerche rapide sulle coste che, sul Garda verso nord, sono spesso poco accessibili. Da rimarcare che una barca di caratteristiche simili entra in attività oggi anche sul lago Maggiore. In questo caso si tratta del primo mezzo di questo genere che viene messo in attività.ATTUALMENTE sul Garda la Guardia Costiera dispone di tre unità navali, dato che quella che entra in funzione oggi va a sostituirne un'altra. «Verrà lasciata a Bogliaco per tutto il periodo per il quale riterremo sia necessaria» ricorda Ravanelli, vale a dire per l'estate e la coda autunnale, ricca di regate. Dopodiché saranno prese le decisioni più indicate, visto che la sede è a Salò. Quella che inizia il servizio è di proprietà della Guardia Costiera e non si tratta più di un prestito. Le due nuove barche (quella finita a Bogliaco e quella del lago Maggiore), sono state acquistate in seguito ad una lunga analisi, accostata a sperimentazione.Viene, peraltro, confermato il numero telefonico gratuito al quale ci si può rivolgere in caso di necessità e di pericolo nel lago: si tratta del 1530.La presenza della Guardia Costiera sul Garda risale ormai a parecchi anni addietro. L'unica variazione rilevante è consistita nel cambio di sede, che fino a un paio di stagioni orsono era fissata a Bogliaco, mentre poi è stata trasferita a Salò, presso l'ex Liceo Fermi, in via Fantoni.Non mancano, invece, i casi di chiamata e gli interventi messi a segno dalla Guardia Costiera, nelle più diverse situazioni e in svariate località benacensi. Un esempio lo si è avuto anche ieri. Un surfista è stato soccorso ieri mattina dalla Guardia costiera: il giovane è stato rintracciato a terra, al «Prà de la fam» a Tignale. Si era lussato una spalla.

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dello stesso argomento

- Advertisment -

Ultime notizie

Ultimi Video