Per chi non si accontenta del lago c’è un nuovo punto informazioni. Uno Iat sperimentale sarà aperto fino a settembre, ospitato a Palazzo Carlotti

A disposizione dei turisti esperti del Ctg e della Comunità montana

25/07/2006 in Attualità
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
(b.b.)

C’è un nuo­vo pun­to di infor­mazione e accoglien­za tur­is­ti­ca (Iat) che vuole far decol­lare in grande stile il Gar­da, il suo entroter­ra e la Val­da­didge. È al piano ter­ra di Palaz­zo Car­lot­ti e vi si accede dal bel­lis­si­mo por­tone cen­trale coro­na­to di affres­chi, che dal­la log­gia guar­da sul gia­rdi­no. Resterà aper­to fino a set­tem­bre, mat­ti­no e pomerig­gio, come con­corda­to da Cipri­ano Castel­lani, pres­i­dente del­la Comu­nità mon­tana del Bal­do che, con il Comune di Capri­no, ha pro­mosso l’iniziativa trovan­do la disponi­bil­ità del­la Provin­cia, in par­ti­co­lare dall’assessore al tur­is­mo e vicepres­i­dente Anto­nio Pas­torel­lo. In via sper­i­men­tale l’ufficio resterà aper­to dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 18 dal mart­edì al ven­erdì e dalle 9 alle 13 saba­to e domeni­ca (chiu­so il lunedì). Per­son­ale esper­to darà ogni sor­ta di infor­mazione for­nen­do mate­ri­ale sulle varie inizia­tive in cor­so e rac­coglien­do anche i dati sug­li arrivi e le pre­sen­ze. «Il ter­ri­to­rio del­la Comu­nità mon­tana com­prende Tor­ri, Bren­zone, Mal­ce­sine, San Zeno di Mon­tagna, dove lo Iat c’è già», pre­cisa Castel­lani, «e anche Coster­mano, Capri­no, Fer­rara, Riv­o­li, Brenti­no Bel­luno. È un com­pren­so­rio che riveste una notev­ole valen­za tur­is­ti­ca e che, con questo nuo­vo sportel­lo, potrà acquistare mag­giore vis­i­bil­ità dan­do nuo­vo rilie­vo all’entroterra e alla bel­lis­si­ma Valle dell’Adige, che potran­no così essere val­oriz­za­ti in rete e in sin­to­nia con gli uffi­ci che oper­a­no sul e a San Zeno di Mon­tagna. Siamo cer­ti sarà così più facile rilan­cia­re le oppor­tu­nità tur­is­tiche e cul­tur­ali di ques­ta zona». Capri­no è sta­ta indi­vid­u­a­ta come local­ità ide­ale per isti­tuirvi uno sportel­lo infor­mazioni per varie ragioni. «Tradizional­mente chia­ma­ta la cap­i­tale mon­te­bal­d­ina, la stes­sa Comu­nità ne ha riconosci­u­to la cen­tral­ità nell’ambito del com­pren­so­rio baldense», com­men­ta il sin­da­co Ste­fano San­dri, «inoltre la sede in Palaz­zo Car­lot­ti è molto pres­ti­giosa e di imme­di­a­ta vis­i­bil­ità». Capri­no è infat­ti pun­to di nat­u­rale pas­sag­gio tra la mon­tagna e il lago, inoltre molti tur­isti fre­quen­tano il paese il saba­to mat­ti­na per il mer­ca­to. Men­tre il Comune mette a dis­po­sizione i locali, la Comu­nità del Bal­do coor­di­na l’attività di infor­mazione tur­is­ti­ca, finanzi­a­ta dal­la Provin­cia. Ver­rà assun­ta una gui­da nat­u­ral­is­ti­ca del Ctg (cen­tro tur­is­ti­co gio­vanile) El Viss­inèl, che la Comu­nità affi­ancherà dan­do il sup­por­to di pro­pri addet­ti e met­ten­do a dis­po­sizione gli esper­ti dell’Orto botan­i­co del Bal­do a Novezzi­na. La seg­nalet­i­ca ester­na e lo stu­dio degli interni sono in lin­ea con l’immagine stu­di­a­ta dall’assessorato al tur­is­mo del­la Provin­cia per tut­to il Veronese. «Abbi­amo dato la nos­tra disponi­bil­ità ad aprire questo Iat per dare impul­so all’area del Bal­do», dice Pas­torel­lo, «rite­ni­amo sia nos­tro com­pi­to pro­muo­vere la conoscen­za del ter­ri­to­rio. Questo pun­to infor­mazioni è una sper­i­men­tazione. Al ter­mine di ques­ta sta­gione di pro­va val­uter­e­mo gli esi­ti. Cer­ta­mente servirà a far­ci sapere cosa chiede il vis­i­ta­tore in questo ambito e quin­di a pro­gram­mare le inizia­tive per l’anno prossimo».

Parole chiave: -