Una dotta relazione di Fabio Gaggia al Rotary Baldo-Valpolicella Un viaggio che dalle palafitte è finito con il Medioevo e con gli ultimi scavi sulla Rocca

Adelaide, regina del Garda

Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
s.b.

Trattare del­la preis­to­ria e del­la sto­ria del­la Roc­ca di Gar­da, delle sue orig­i­ni e delle sue evoluzioni, in poco più di un’ora non è cer­ta­mente facile. Occorre conoscere molto bene, qua­si a mena­di­to l’argomento, per il vero assai com­p­lesso, e Fabio Gag­gia, vice sin­da­co e asses­sore alla cul­tura di Gar­da è uno che conosce bene la sua mate­ria. E ben lo ha fat­to, con il plau­so dell’assemblea, al con­viv­io dei soci rotar­i­ani del club Valpo­li­cel­la, pre­siedu­to da Ren­zo Gia­comel­li, nel­la splen­di­da cor­nice dell’hotel Vil­la Quar­an­ta di Pes­cant­i­na. Non pote­va cer­to man­care, in questo con­testo, il «mito» di Ade­laide, regi­na del Gar­da, oggi più che mai tor­na­ta alla rib­al­ta del­la cronaca gra­zie alle ultime recen­ti man­i­fes­tazioni che pro­prio il Comune di Gar­da ha volu­to trib­u­tar­le nel­la sca­den­za dell’anno 2000. A ren­dere meglio la ser­a­ta, nonché a focal­iz­zare l’immagine del­la roc­ca di Gar­da, dei suoi scavi e dei reper­ti che oggi stan­no venen­do alla luce, sono state le mer­av­igliose dia­pos­i­tive che Gag­gia ha proi­et­ta­to, man mano che dipana­va il suo dis­cor­so sul­la arche­olo­gia dei garde­sani. E amante com’è del­la sua ter­ra non ha cer­ta­mente sottaci­u­to niente nel ren­dere vivo ed estrema­mente inter­es­sante l’incontro, nel quale ovvi­a­mente, tut­ti si sono accul­turati sul sito, vuoi per le notizie sul­la età romana, vuoi per la preis­to­ria del , vuoi infine per Ade­laide. E pro­prio il Medio­e­vo è sta­to il ful­cro del­la min­uziosa espo­sizione di Fabio Gag­gia. Intorno al quale ha saputo vera­mente «istru­ire» in misura com­ple­ta e com­pi­u­ta gli atten­ti e silen­ziosi ami­ci rotar­i­ani, affas­ci­nati dal­la mate­ria e che non avreb­bero mai volu­to che l’erudito Gag­gia ter­mi­nasse la sua «lezione». Sco­prire le pro­prie radi­ci è sem­pre un atto sig­ni­fica­ti­vo nel­la vita di ogni essere umano e gli inseg­na­men­ti di Fabio Gag­gia lo han­no ben dimostra­to, calami­tan­do davvero il pubblico.

Parole chiave: -