Definito il provvedimento legislativo che assegna alla società veronese la gestione quarantennale della struttura di Villafranca

Aeroporto, concessioneministeriale a un passo

08/05/2008 in Attualità
Di Luca Delpozzo
William Geroldi

Min­istro del Tesoro, dei Trasporti e del­la Dife­sa. Fir­ma­to, Tom­ma­so Padoa Schiop­pa, Anto­nio di Pietro e Arturo Parisi. A questo pun­to dovreb­bero esser­ci pro­prio tutte e tre le firme sul decre­to inter­min­is­te­ri­ale che affi­da la ges­tione quar­an­ten­nale dell’aeroporto di Verona alla Cat­ul­lo Spa. Un decre­to in cui si ricor­da che lo sca­lo vene­to è l’unico tito­la­to — ed è questo il pas­sag­gio des­ti­na­to a ridar vig­ore al brac­cio di fer­ro tra bres­ciani e verone­si per il con­trol­lo del «» — a dis­porre del­la con­ces­sione anche per l’aeroporto di Mon­tichiari, invi­tan­do nel­lo stes­so tem­po la ad esprimere un parere.[FIRMA]TANTO CHE una let­tera in tal sen­so è già par­ti­ta alla vol­ta del Pirellone. No com­ment da Verona ad una richi­es­ta di con­fer­ma delle notizie. Nelle prossime ore il per­cor­so min­is­te­ri­ale del provved­i­men­to dovrebbe comunque essere per­fezion­a­to. E l’argomento ha già preno­ta­to la rib­al­ta nel­la prossi­ma assem­blea del­la soci­età pre­vista a fine mag­gio. L’iter agli sgoc­ci­oli del decre­to cade nel bel mez­zo dell’impegno del­la cor­da­ta bres­ciana for­ma­ta da Cam­era di com­mer­cio e Aib, gli indus­tri­ali bres­ciani, che han­no cos­ti­tu­ito una soci­età, Abem, che riven­di­ca l’autonomia dai verone­si e vuole gestire autono­ma­mente Mon­tichiari. Abem van­ta anche un riconosci­men­to min­is­te­ri­ale di ques­ta riven­di­cazione e la soci­età non ha esi­ta­to a sol­lecitare una gara euro­pea per l’assegnazione del­lo sca­lo bresciano.Da mesi bres­ciani e verone­si sono alla ricer­ca di una medi­azione che superi le divi­sioni. L’ultima, stu­di­a­ta dal neo par­la­mentare , ha avu­to però vita breve. Abem insiste nel pre­tendere il pieno con­trol­lo del­lo sca­lo bres­ciano, Verona accetterebbe un mag­gior peso dei bres­ciani, ma non di scen­dere sot­to il 50 per cen­to del D’Annunzio (oggi ha l’85, il restante 15 appar­tiene a Cam­era di com­mer­cio e Provin­cia di Bres­cia) ed al suo fian­co ha la stes­sa Provin­cia. Non a caso, il Bro­let­to ha sostenu­to anche eco­nomi­ca­mente il recente arri­vo a Bres­cia di Air Bee che col­le­ga Mon­tichiari con Roma, Napoli e di recente Crotone.IL DECRETO inter­min­is­te­ri­ale sbar­ra la stra­da alle ambizioni di Abem? Dif­fi­cile rispon­dere, anche per­chè quel parere sol­lecita­to alla Regione Lom­bar­dia potrebbe cos­ti­tuire per i bres­ciani un per­tu­gio in cui infi­lar­si per con­trastare il via lib­era ai verone­si. D’altra parte la stes­sa Regione Lom­bar­dia ave­va riu­ni­to l’estate scor­sa gli ammin­is­tra­tori degli scali di Verona, Mon­tichiari e Berg­amo nell’intento di ragionare sul­la creazione di un sis­tema aero­por­tuale, con uno speci­fi­co ruo­lo asseg­na­to ad ogni aero­por­to. Ma il tavo­lo di con­cer­tazione non ha prodot­to frut­ti deci­sivi. Ora questo decre­to, ulti­ma pun­ta­ta di una vicen­da che potrebbe ris­er­vare anco­ra tante sorprese.