L’area di 445 mq ospiterà 11 nuovi esercizi commerciali.

Aeroporto di Verona: inaugurata la nuova Galleria Commerciale, disegnata nel cuore del Terminal Partenze

03/07/2010 in Attualità
Di Luca Delpozzo

Si è svol­ta la cer­i­mo­nia d’ inau­gu­razione, alla pre­sen­za degli Enti e Isti­tuzioni del Ter­ri­to­rio, del­la nuo­va Gal­le­ria Com­mer­ciale, che ospi­ta brand pres­ti­giosi come Jean Louis David, Gold­en Point, Far­ma­cie Comu­nali Agec, Nau Otti­ca, Wood Vil­lage, Cam­i­cis­si­ma, Tramezzino.it, Tesoromio, Yogur­te­ria Frozen Yogurt, Scalig­era Gift in uno spazio di 445 mq, che inter­cetta gran­di flus­si di tran­si­to, svilup­pan­dosi al cen­tro del Ter­mi­nal Parten­ze tra l’area Check in e i varchi di sicurez­za. Nuovi eser­cizi com­mer­ciali sono sta­ti inau­gu­rati anche all’interno del Ter­mi­nal Arrivi.Come annun­ci­a­to ed in lin­ea con la strate­gia final­iz­za­ta all’incremento dei ricavi com­mer­ciali, la Soci­età di Ges­tione ha pre­sen­ta­to oggi la nuo­va area com­mer­ciale, che seg­na anche la con­clu­sione dei lavori di riqual­i­fi­ca che han­no inter­es­sato il Ter­mi­nal Parten­ze. La ristrut­turazione di un’area di cir­ca 1.500 mq ha riguarda­to, oltre l’area com­mer­ciale, la hall passeg­geri, l’incremento da 34 a 40 dei banchi check in, i nuovi uffi­ci oper­a­tivi e del­la Polizia, la pen­sili­na e le fac­ciate dell’edificio lato parcheggi.Con l’inaugurazione si con­clude la terza fase dei lavori di ristrut­turazione su un’area di 265 mq che van­no ad aggiunger­si ai 180 mq, nel­la zona anti­s­tante i varchi di sicurez­za e, ad ulte­ri­ori 110 mq in area Schengen.Si è indi­vid­u­a­to nel set­tore non avio un’area di pri­or­i­taria impor­tan­za da svilup­pare per allineare lo sca­lo di Verona ai prin­ci­pali scali con­cor­ren­ti. Sono sta­ti indi­vid­uati cir­ca 10–12 mil­ioni Euro l’anno quale pos­si­bile miglio­ra­men­to dei ricavi non aviation.Con la ristrut­turazione del Ter­mi­nal Parten­ze, l’inaugurazione del­la Nuo­va Gal­le­ria com­mer­ciale e il prog­et­to di svilup­po del Ter­mi­nal ded­i­ca­to al Low Cost, la disponi­bil­ità di spazi per eser­cizi com­mer­ciali aumen­ta notevol­mente. Questo ha un impat­to pos­i­ti­vo e molto forte sul­lo sca­lo  sot­to il pro­fi­lo trav­el retail, che fino ad ora era piut­tosto lim­i­ta­to dal­la scarsa disponi­bil­ità di spazi. Ora anche il Cat­ul­lo si allinea agli altri scali ital­iani ed europei rilan­cian­do la sfi­da sul com­par­to non avio.