Podio tutto italiano per una sfida durata 4 giorni tra motori ruggenti, borghi e scorci d’Italia affascinanti. Alle Gaburri, madre e figlia, la Coppa della Dame Brescia, 21 maggio 2017

Ai bresciani Andrea Vesco e Andrea Guerrini la Mille Miglia 2017

22/05/2017 in Attualità
Parole chiave:
Di Redazione

L’equipaggio numero 74 for­ma­to da Andrea Vesco, 29 anni di Sarez­zo (Val Trompia BS) e Andrea Gueri­ni, 38 anni di Marcheno (BS) a bor­do di un’Alfa Romeo 6C 1750 Gran Sport del 1931 ha taglia­to il tra­guar­do di Viale Venezia a Bres­cia questo pomerig­gio, vin­cen­do per il sec­on­do anno con­sec­u­ti­vo la “cor­sa più bel­la del mondo”.

Accol­ta da una fol­la di appas­sion­ati giun­ti da ogni parte d’Italia, l’Alfa Romeo che li ha por­tati alla vit­to­ria ha pre­so parte alla del 1933, edi­zione vin­ta dal grande fuori­classe del volante Tazio Nuvolari. Al sec­on­do pos­to Luca Patron (Vicen­za) e Mas­si­mo Casale (equipag­gio numero 5) a bor­do di una O.M. 665 Sport Super­ba 2000 del 1925 che ha sfida­to i vinci­tori con un tes­ta a tes­ta dura­to fino alla fine, poco più di mille i pun­ti di scar­to. Luca Patron si è clas­si­fi­ca­to sec­on­do anche lo scor­so anno. Com­ple­ta il podio, l’equipaggio dei coni­u­gi man­to­vani Gior­dano Mozzi e Ste­fa­nia Biac­ca a bor­do di una Alfa Romeo 6C 1500 GS Zaga­to che sono rimasti indi­etro di cir­ca 2000 pun­ti dal vincitore.

La cop­pia lom­bar­da ave­va vin­to le edi­zioni 2011 e 2014 del­la Frec­cia Rossa. Nel­la clas­si­fi­ca finale si sono dis­tin­ti ben 4 equipag­gi argen­ti­ni il pri­mo, al quar­to pos­to, quel­lo com­pos­to da Juan Tononol­o­gy e Guiller­mo Beris­so (vinci­tori nel 2015) che han­no occu­pa­to nelle clas­si­fiche parziali anche il ter­zo pos­to sul­la loro Bugat­ti Type 40 del 1927.

A Maria e Luigia Gabur­ri è anda­ta la Coppe delle Dame ris­er­va­ta al pri­mo equipag­gio fem­minile del­la clas­si­fi­ca finale (133° pos­to asso­lu­to). Sono rispet­ti­va­mente figlia e moglie di Rober­to Gabur­ri, fonda­tore e pri­mo pres­i­dente di 1000 Miglia srl (soci­età orga­niz­za­trice del­la gara) scom­par­so lo scor­so anno. Le vincitri­ci gui­da­vano una Abarth 750 GT Zaga­to del 1957 col numero 414.

Per la Mille Miglia ques­ta è una gior­na­ta mem­o­ra­bile, per­ché seg­na la con­clu­sione delle entu­si­as­man­ti cel­e­brazioni per i 90 anni del­la Frec­cia Rossa – dichiara Alber­to Piantoni, ammin­is­tra­tore del­e­ga­to di 1000 Miglia Srl. – “La Mille Miglia si con­fer­ma oggi più che mai una non solo una man­i­fes­tazione impor­tan­tis­si­ma per l’Italia dei motori, ma un bigli­et­to da visi­ta di por­ta­ta inter­nazionale per il Paese del­la bellez­za. Voglio ringraziare tutte le per­sone coin­volte nell’organizzazione, indis­pens­abili per il suc­ces­so del­la man­i­fes­tazione e gli spon­sor che con­di­vi­dono la nos­tra passione”.

Dopo 4 giorni di gui­da con tan­to sole ma anche trat­ti sot­to la piog­gia, 40 ore al volante con bre­vis­sime pause per il pran­zo, 200 comu­ni attra­ver­sa­ti, 7 regioni e la Repub­bli­ca di San Mari­no siamo giun­ti alla fine del­la Mille Miglia 2017 che quest’anno ha cel­e­bra­to il suo 90esimo com­plean­no. Cir­ca 60 i ritiri alla fine tra cui l’ex pilota Arturo Merzario acclam­a­to anche all’arrivo di Bres­cia dove la sua vet­tura è sta­ta spin­ta sul palco.

Par­ti­co­lar­mente sug­ges­tive, e deci­sive per la vit­to­ria finale, sono state le ultime prove cronome­trate sulle piste dei Tor­na­do del 6° Stor­mo all’Aeroporto mil­itare di Ghe­di. Record di richi­este d’iscrizione quest’anno, 705 quelle arrivate per parte­ci­pare alla trentac­inques­i­ma rie­vo­cazione del­la Mille Miglia, ma solo 450 sono state le vet­ture accettate, con piloti prove­ni­en­ti da tut­to il mon­do (39 Paesi).

I VIP IN GARA

Il fas­ci­no del­la Mille Miglia ha con­quis­ta­to anche volti noti e impren­di­tori, appas­sion­ati di auto d’epoca, che si sono volu­ti cimenta­re in ques­ta stra­or­di­nar­ia espe­rien­za: Joe Bas­tianich, il ris­tora­tore italoamer­i­cano divenu­to famoso gra­zie a Mas­terchef, dopo aver stazion­a­to intorno alla 70esima posizione ha chiu­so al 277esimo pos­to. Jodie Kidd, model­la tren­tot­tenne tra le più conosciute al mon­do, si è piaz­za­ta al 79° pos­to. Marc Andrew New­son, uno dei più impor­tan­ti design­er inter­nazion­ali (sec­on­do il Times una delle cen­to per­sone più influ­en­ti al mon­do), con la moglie Char­lotte, si è fer­ma­to al 227° pos­to. Toto Wolff, team prin­ci­pal del­la Mer­cedes, insieme ad Aldo Cos­ta, si è clas­si­fi­ca­to all’85esimo pos­to. Meglio di tut­ti han­no fat­to Anto­nio Auric­chio (pres­i­dente del­la Gen­naro Auric­chio Spa) e Lui­gi Mion (AD dei super­me­r­cati Migross) che han­no chiu­so al 70° posto.

Parole chiave: