E’ stato inaugurato l’impianto di condizionamento. In arrivo anche un’apparecchiatura Tac

Aria nuova all’ospedale di Desenzano

Di Luca Delpozzo

E’ sta­to inau­gu­ra­to alla pre­sen­za del vicepres­i­dente del­la Regione, Viviana Becca­los­si e del diret­tore gen­erale dell’azienda ospedaliera, Mau­ro Borel­li, il nuo­vo impianto di cli­ma­tiz­zazione dell’ospedale di Desen­zano. L’impianto in realtà era già in fun­zione dall’estate scor­sa, real­iz­za­to in tem­pi rapi­di gra­zie al fat­to che, a fian­co delle maes­tranze del­la dit­ta appal­ta­trice, lavo­rarono le squadre di oper­ari e di tec­ni­ci del­la stes­sa azien­da ospedaliera. L’investimento è sta­to di 1 mil­ione e 730 mila euro. Parole di sod­dis­fazione sono giunte dal­la Becca­los­si e dal sin­da­co di Desen­zano, Fioren­zo Pien­az­za. Ma il «bat­tes­i­mo» del nuo­vo impianto ha mes­so in luce altri impor­tan­ti inter­ven­ti, come il servizio pre-ricov­eri, l’imminente inizio dei lavori per la costruzione del nuo­vo bloc­co oper­a­to­rio (tre nuove sale, cos­to 4 mil­ioni e mez­zo di euro), l’arrivo del­la riso­nan­za mag­net­i­ca. Alla Radi­olo­gia arriverà anche una nuo­va Tac mod­el­lo Mul­ti­slice ed un’apparecchiatura dig­i­tale. Quest’ultima effettuerà radi­ografie dig­i­tali di tipo schelet­ri­co e sarà imp­ie­ga­ta essen­zial­mente per gli esa­mi di Pron­to soc­cor­so e per quel­li ambu­la­to­ri­ali: la spe­sa pre­vista è di 400 mila euro. La Tac mul­ti­slice con­sente, con un’unica scan­sione, di ottenere più sezioni del­la parte sot­to esame (cos­to: 600 mila euro). La Siemens, che sos­ti­tuirà la vec­chia Tac di Desen­zano, don­erà alla Radi­olo­gia anche un ecografo di alta fas­cia. Nel suo inter­ven­to Borel­li ha sot­to­lin­eato che non è improb­a­bile che la fisioki­ne­sit­er­apia, sposta­ta a Lona­to con una coda di polemiche, pos­sa ritornare a Desen­zano. Quan­to al pre­sidio lonatese potrebbe trasfor­mar­si in casa di riposo o casa allog­gio. Intan­to il repar­to di Riabil­i­tazione viene ripor­ta­to agli orig­i­nari 40 posti let­to di cui 4 in day hospital.