Donare Avis ha organizzato un’esposizione itinerante che durerà fino a ottobre. Molte le foto in bianco e nero che ricordano la vita di un tempo

Arti e vecchi mestieri in mostra

08/07/2005 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Sergio Bazerla

È sta­to inau­gu­ra­to nel­la sede delle asso­ci­azioni, in piaz­za Vit­to­rio Emanuele II, alla pre­sen­za di moltissi­mi dona­tori di sangue, delle rap­p­re­sen­tanze provin­ciali e sezion­ali dei dona­tori, nonchè delle autorità locali, il ses­to con­cor­so fotografi­co «Lui­gi Bar­bi­eri e Gior­gio Pel­lati». Il tema di ques­ta impor­tante mostra fotografi­ca, che negli anni ha assun­to impor­tan­za e lus­tro davvero sig­ni­fica­tivi, è «Arte e vec­chi mestieri del nos­tro ter­ri­to­rio» e le foto messe in mostra sono davvero tante e belle. Foto in bian­co e nero e a col­ori che ritrag­gono arti e mestieri ormai in dis­u­so o addirit­tura scom­par­si: le immag­i­ni ripor­tano a momen­ti di vita quo­tid­i­ana che le nuove gen­er­azioni non han­no mai vis­su­to. È sta­ta infat­ti riscop­er­ta l’operosità, l’impegno, la dedi­zione, l’ingegno di tan­ta gente comune, di lavo­ra­tori, di pro­fes­sion­isti, di arti­giani e com­mer­cianti che han­no vera­mente «ricostru­ito» i nos­tri pae­si e le nos­tre comu­nità dall’infausto even­to del­la guer­ra, ripor­tan­do benessere e pro­gres­so per tut­ti. La mostra di Donare sarà itin­er­ante. Toc­cherà diver­si pae­si per almeno due giorni, preva­len­te­mente nel fine set­ti­mana, per con­sen­tire al mag­gior numero di tur­isti di poter­la vis­itare e gustare. È già sta­ta a Tor­ri del Bena­co, il 16 e 17 sarà a Cavaion Veronese, il 23 e 24 a Gar­da, il 30 e 31 a Capri­no Veronese. L’1 e 2 agos­to anco­ra a Capri­no Veronee (nell’occasione del­la Fiera Mon­te­bal­d­ina), dal 6 al 10 a Pes­cant­i­na, in occa­sione del­la Fiera si San Loren­zo, il 13 e 14 ad Affi, dal 25 al 29 a Coster­mano. Dal 3 al 4 set­tem­bre sarà poi a , dal 10 all’11 a Viga­sio, il 17 e 18 a Set­ti­mo di Pes­cant­i­na, dal 23 al 25 a Bal­coni, l’8 e 9 otto­bre a Piovez­zano e infine dal 29 al 30 otto­bre a San Zeno di Mon­tagna per la Sagra dei Mar­roni. Nel cor­so dell’inaugurazione del­la man­i­fes­tazione, il pres­i­dente di Donare Avis, Gian­ni Fac­ci­oli, ha volu­to con­seg­nare a Gia­co­mo Paroli­ni la Croce d’Oro per il con­sis­tente numero di don­azioni effet­tuate. Paroli­ni è socio fonda­tore dell’Avis di Lazise, è dona­tore emer­i­to ed è tut­to­ra com­po­nente del con­siglio diret­ti­vo sezionale. È pre­sente da 40 anni all’Avis con il suo impeg­no di dona­tore ma è uno dei più impor­tan­ti e impeg­nati col­lab­o­ra­tori del­la sezione nell’attività speci­fi­ca del sodal­izio. Per tutte queste impor­tan­ti moti­vazioni l’’mministrazione comu­nale ha volu­to con­seg­nar­gli, nel quar­an­ten­nale di fon­dazione dell’Avis un par­ti­co­lare riconosci­men­to con la seguente moti­vazione: «La comu­nità di Lazise a Gia­co­mo Paroli­ni, socio fonda­tore e dona­tore emer­i­to dell’Avis di Lazise, quale seg­no di riconoscen­za per lo spir­i­to di sol­i­da­ri­età umana, civile, sociale, dimostra­to con le numerose don­azioni di sangue e per la costante, preziosa col­lab­o­razione alle attiv­ità dell’associazione». «Paroli­ni è per l’Avis e per la nos­tra comu­nità un vero pilas­tro», ha sot­to­lin­eato il sin­da­co Ren­zo Frances­chi­ni, «e da 40 anni lavo­ra e vive per il sosteg­no agli altri. Questo riconosci­men­to è più che meritato».

Parole chiave: