Fino al 2 novembre si può partecipare al concorso « Da Carlo Scarpa ai giorni nostri», vent’anni di edilizia

Bello e brutto sul lago di Garda Gli architetti cercano fotografie

Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo

La casa del vici­no è sem­pre più bel­la? E allo­ra fotografatela. Se invece è un vero e pro­prio arzi­gogo­lo architet­ton­i­co e non avete mai osato dirglielo, fotografatela lo stes­so. Avrete la pos­si­bil­ità di vin­cere due mil­ioni di lire, ma soprat­tut­to vi potrete togliere la sod­dis­fazione di met­tere final­mente alla berli­na il vici­no ed il prog­et­tista. Nasce pro­prio da chi del bel­lo ne fa, o ne dovrebbe fare una pro­fes­sione, il pri­mo con­cor­so fotografi­co aper­to a tut­ti di immag­i­ni del­la Verona con­tem­po­ranea, «Da Car­lo Scarpa ai giorni nos­tri, ven­t’an­ni di architet­tura a Verona». Inti­to­la­ta al cele­bre architet­to veneziano, scom­par­so a Tokyo nel 1978, l’iniziativa è dell’Agav, l’associazione dei gio­vani architet­ti verone­si che, con il patrocinio dell’assessorato alla cul­tura del Comune di Verona e dell’ordine degli architet­ti provin­ciale e la col­lab­o­razione del di Castelvec­chio e del gior­nale L’Arena, intende rac­cogliere un’ampia rasseg­na di tes­ti­mo­ni­anze sull’evoluzione che l’architettura con­tem­po­ranea ha subito a Verona e provin­cia negli ulti­mi vent’anni. «Vuol essere una rac­col­ta di immag­i­ni», dicono Nico­la Brunel­li e Michel Cogo, orga­niz­za­tori del­la rasseg­na, «real­iz­zate dai pri­mi inter­es­sati: i cit­ta­di­ni che la cit­tà la vivono e ai quali le costruzioni si riv­ol­go­no». A val­utare le fotografie invi­ate sarà una giuria com­pos­ta dall’architetto Arri­go Rudi, dal­lo psichi­a­tra Vit­tori­no Andreoli, dai fotografi Enzo Bas­sot­to e Wal­ter Cam­para, da Enzo Pat­ac­ca del Cir­co­lo fotografi­co veronese e dagli orga­niz­za­tori del con­cor­so, Brunel­li e Cogo dell’Agav. Le fotografie van­no invi­ate entro giovedì 2 novem­bre a Giuseppe Otta­viani, pres­i­dente dell’Agav, in via San Gius­to 2, 37131 Verona. La pre­mi­azione avver­rà l’11 novem­bre all’Arsenale di Verona in con­comi­tan­za con l’inaugurazione del­la mostra real­iz­za­ta con le immag­i­ni rac­colte, che rimar­rà aper­ta fino al 25 novembre.

Parole chiave: -