Non manca molto all’inaugurazione del restauro della caserma Cacciatori, prevista per la primavera.

Caserma Cacciatori. Le città murate in visita al cantiere

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Giuditta Bolognesi

Non man­ca molto all’inaugurazione del restau­ro del­la caser­ma Cac­cia­tori, pre­vista per la pri­mav­era. Si trat­ta dell’unico prog­et­to del­la a rien­trare nel pro­gram­ma Kon­ver di finanzi­a­men­ti europei, un inter­ven­to di rilie­vo per­ché des­ti­na­to a resti­tuire alla cit­tad­i­nan­za uno degli angoli più sug­ges­tivi del­la cit­tad­i­na, iscrit­ta a pieno tito­lo nell’associazione delle cit­tà murate del Vene­to. Ven­erdì scor­so una del­egazione dell’associazione, con in tes­ta il pres­i­dente Enri­co Hull­weck sin­da­co di Vicen­za, ha vis­i­ta­to il cen­tro aril­i­cense, com­in­cian­do pro­prio dal cantiere del­la Cac­cia­tori. «La vicen­da di questo stra­or­di­nario com­p­lesso è un esem­pio dell’importanza di sal­va­guardare questi tes­ti­moni del­la sto­ria per resti­tuir­li all’espressività sociale dei pae­si. Una prog­et­tual­ità com­p­lessa», ha det­to Hull­weck, «alla quale tutte le isti­tuzioni deb­bono con­tribuire, a com­in­cia­re dal­la Regione». Ed Enri­co Cav­a­liere, pres­i­dente del Con­siglio regionale, ha rispos­to con­fer­man­do l’interesse del­la Regione nei con­fron­ti «di un pat­ri­mo­nio cui è lega­ta la nos­tra sto­ria; tut­tavia non abbi­amo l’autonomia che vor­rem­mo, ma lavo­riamo sia in questo sen­so che sup­por­t­an­do le inizia­tive dell’associazione». «Oltre al con­trib­u­to per i prog­et­ti, infat­ti, la Regione può atti­vare canali e risorse col­le­gati con i finanzi­a­men­ti e i prog­et­ti inter­nazion­ali: in altri set­tori questo mec­ca­n­is­mo è già ben col­lauda­to», ha sot­to­lin­eato Cav­a­liere, «fare­mo in modo che ciò acca­da anche per l’ambito stori­co-cul­tur­ale». La caser­ma Cac­cia­tori, la Palazz­i­na Stor­i­ca, Forte Ardi­et­ti e la visi­ta gui­da­ta alla cit­tà for­ti­fi­ca­ta con escur­sione in bar­ca lun­go i canali all’interno dei Bas­tioni: la del­egazione dell’associazione delle cit­tà murate ha potu­to conoscere da vici­no la realtà di Peschiera, la cui unic­ità viene pro­prio dall’essere una Fortez­za sull’acqua. L’impegno dell’associazione, che nel prossi­mo futuro si muoverà per ritagliar­si un ruo­lo isti­tuzionale, è quel­lo di appog­gia­re le ammin­is­trazioni nel ten­ta­ti­vo di appro­pri­ar­si di un pat­ri­mo­nio altri­men­ti des­ti­na­to ad essere ven­du­to ai pri­vati. Giu­dit­ta Bolognesi

Parole chiave: