Firmati gli accordi di programma per liberare la zona dal traffico di passaggio. Tra due anni bretella e completamento della superstrada

Colombare, l’«assedio» finirà

17/12/2002 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Sirmione

Tra cir­ca due anni, Colom­bare di Sirmione sarà final­mente lib­er­a­ta dal traf­fi­co di pas­sag­gio, e soprat­tut­to dal tran­si­to dei mezzi pesan­ti. Ter­min­erà così un lun­go tor­men­tone che anco­ra oggi rende decisa­mente fas­tidiosa la vita degli abi­tan­ti del­la frazione, costret­ti a con­vi­vere con un notev­ole inquina­men­to acus­ti­co e atmos­feri­co. Tut­ti i sirmione­si conoscono bene le lunghe code che si cre­ano sul­la ex statale 11 «Padana supe­ri­ore» in cor­rispon­den­za dell’incrocio (in entra­ta o in usci­ta) che por­ta all’abitato. Code che si for­mano soprat­tut­to nei giorni fes­tivi e durante l’estate, quan­do la sta­gione tur­is­ti­ca reg­is­tra il mas­si­mo delle pre­sen­ze. La novità des­ti­na­ta a miglio­rare la qual­ità del­la vita dei sirmione­si di Colom­bare è sta­ta pre­sen­ta­ta ieri mat­ti­na in Provin­cia, con la fir­ma di un impor­tante accor­do di pro­gram­ma tra le regioni Lom­bar­dia e Vene­to, le province di Bres­cia e di Verona e i comu­ni di Sirmione, Poz­zolen­go e Peschiera. L’intesa prevede l’apertura del trat­to del­la nuo­va statale 11 attual­mente inter­rot­ta in locali­ta Roviz­za, e soprat­tut­to la real­iz­zazione di una bretel­la che aggir­erà l’abitato e che si unirà a una nuo­va rota­to­ria da real­iz­zare, oltre ad altri inter­ven­ti di riqual­i­fi­cazione viaria. Il cos­to com­p­lessi­vo dell’operazione sarà di 2 mil­ioni e 753 mila euro (5.5 mil­iar­di di vec­chie lire), con un mil­ione e 33 mila euro a cari­co del­la , un mil­ione e 204 mila del­la Provin­cia di Bres­cia e 516 mila del Comune di Sirmione. Con questo accor­do di pro­gram­ma, poi, la si impeg­na a orga­niz­zare, entro il 31 gen­naio, una con­feren­za di servizi per l’esame del prog­et­to dei lavori rel­a­tivi al trat­to di statale tra la Roviz­za e Peschiera. Ma par­ti­amo dal­la pri­ma oper­azione, ovvero dal­la real­iz­zazione del­lo svin­co­lo-bretel­la elim­i­na code. Oggi, i veicoli in arri­vo da Desen­zano devono uscire dal­la super­stra­da in cor­rispon­den­za dell’anello stradale qua­si all’altezza dell’abitato di San Mar­ti­no del­la Battaglia, e devono per­cor­rere alcu­ni chilometri pri­ma di immet­ter­si sul­la roton­da del­la ex statale 11. Con l’intervento pro­gram­ma­to, invece, potran­no pros­eguire sen­za dover più met­ter­si in coda per super­are il semaforo a Colom­bare. In sec­on­da bat­tuta è pre­vista anche l’apertura al traf­fi­co del trat­to di nuo­va statale real­iz­za­to dall’Anas ma come tut­ti san­no rimas­to incom­pi­u­to: una vera boc­ca­ta d’ossigeno per tut­to il bas­so Gar­da. In tem­pi rel­a­ti­va­mente rapi­di saran­no resi disponi­bili anche questi due chilometri d’asfalto mai uti­liz­za­ti (è già sta­to siglato un altro speci­fi­co accor­do di pro­gram­ma), chiu­so al tran­si­to per la man­can­za di un col­lega­men­to ter­mi­nale in local­ità Roviz­za con la minore che è dovu­ta alla man­ca­ta costruzione, sem­pre da parte dell’Anas, del prog­et­ta­to trat­to di vari­ante alla statale 11 Roviz­za-Casel­lo di Peschiera. Per la ria­per­tu­ra di questo trat­to occor­reran­no alcu­ni inter­ven­ti di manuten­zione (per un totale di 51 mila 645 euro), il cui cos­to sarà divi­so al 50 per cen­to tra le province di Bres­cia e di Verona. I tem­pi pre­visti? Il prog­et­to defin­i­ti­vo-esec­u­ti­vo è sta­to con­seg­na­to nell’agosto scor­so, la gara d’appalto dovrebbe ten­er­si il giug­no prossi­mo, men­tre la con­clu­sione dei lavori è pre­vista entro la fine del 2004. Tra gli altri cantieri di prossi­ma aper­tu­ra c’è anche quel­lo rel­a­ti­vo alla costruzione del sot­topas­so ciclope­donale alla nuo­va statale 11, per garan­tire la con­ti­nu­ità con la stra­da comu­nale «Dei Gril­li» nel Comune di Poz­zolen­go; e poi l’allargamento di alcu­ni trat­ti del­la Roviz­za-Pun­ta Grò. Alla sot­to­scrizione dell’accordo di pro­gram­ma era­no pre­sen­ti il pres­i­dente provin­ciale Alber­to Cav­al­li, l’assessore ai Lavori pub­bli­ci , l’ingegner Florindo Mocellin, fun­zionario del­la direzione Infra­strut­ture e trasporti del­la Regione Vene­to, Gui­do Rossi­ni, pres­i­dente del­la com­mis­sione provin­ciale Lavori pub­bli­ci, il sin­da­co di Sirmione Mau­r­izio Fer­rari, l’assessore Ric­car­do Saet­ti per Poz­zolen­go e Michele Per­belli­ni, asses­sore alla Via­bil­ità di Peschiera.

Parole chiave: