Coronavirus, più di mezzo milione a sostegno dei cittadini

Di Redazione

L’Assessore al Bilan­cio Pietro Avanzi: “Fon­da­men­tale l’ascolto di cit­ta­di­ni ed eser­centi. A liv­el­lo eco­nom­i­co abbi­amo volu­to sostenere soprat­tut­to e attiv­ità pro­dut­tive. Un plau­so al cuore grande dei desen­zane­si che han­no con­tribuito alla causa con le loro donazioni”.

L’Amministrazione del Comune di Desen­zano del Gar­da, durante questo peri­o­do emer­gen­ziale impos­to dal Coro­n­avirus tut­to­ra in atto, ha attua­to numerose inizia­tive volte, dap­pri­ma, a con­tenere la pan­demia da un pun­to di vista stret­ta­mente san­i­tario e in sec­on­do luo­go a dar respiro a liv­el­lo eco­nom­i­co a tut­ti col­oro che han­no sub­ì­to le con­seguen­ze dovute alla chiusura delle attività.

SOSTEGNO PER LE CATEGORIE FRAGILI.

Fa il pun­to del­la situ­azione l’Assessore al Bilan­cio Pietro Avanzi: “Siamo sta­ti e siamo tut­to­ra di fronte a una crisi san­i­taria ed eco­nom­i­ca da affrontare con la mas­si­ma cautela. L’equilibrio tra una ripresa com­mer­ciale e la tutela del­la salute dei cit­ta­di­ni è molto del­i­ca­to e non bisogna sbagliare pro­prio ora. Per quan­to riguar­da la nos­tra Cit­tà pos­si­amo dire di aver attua­to, a liv­el­lo di inves­ti­men­ti a sosteg­no dei cit­ta­di­ni, diver­si inter­ven­ti che mirassero a sostenere le cat­e­gorie che sono risul­tate più in dif­fi­coltà in questo deter­mi­na­to momen­to d’emergenza. E sti­amo par­lan­do del­la manovra per i mesi di aprile e mag­gio, ma a giug­no arriver­an­no altri sostanziosi aiu­ti dopo aver approva­to il bilan­cio consuntivo”.

La cifra com­p­lessi­va imp­ie­ga­ta fino ad ora per aiutare i cit­ta­di­ni desen­zane­si è sta­ta di cir­ca 600.000 euro: di questi 328.000 euro sono sta­ti ero­gati dal Comune di Desen­zano, men­tre i restanti, qua­si 270.000, sono quel­li derivan­ti dai sos­ten­ta­men­ti di Gov­er­no (154.500 euro per i buoni spe­sa) e (123.402 euro per il fon­do di acces­so alla locazione).

I 328.000 euro ero­gati da noi – pros­egue Avanzi – sono sta­ti sud­di­visi in base alle pri­or­ità dei nos­tri uffi­ci; per questo ne sono sta­ti attribuiti 236.500 ai servizi sociali, dis­tribuiti nei capi­toli fon­da­men­tali di spe­sa di questo set­tore: dis­abili, anziani, servizi a domi­cilio, fon­do affit­to, e altre speci­fiche indi­vid­u­ate dal set­tore stes­so. Cir­ca 100.000 euro sono invece sta­ti stanziati come con­tribu­ti per le attiv­ità pro­dut­tive, per inte­grare i sol­di derivan­ti dalle richi­este in ecces­so dei buoni spe­sa, per l’acquisto di mascher­ine per i res­i­den­ti e in gen­erale per dis­pos­i­tivi di pro­tezione indi­vid­uale. Come dice­vo abbi­amo cer­ca­to di trovare un equi­lib­rio che andasse incon­tro alle neces­sità più impel­len­ti dei cittadini”.

RIPRESA: UNA MANO TESA AI COMMERCIANTI.

Un ascolto e una col­lab­o­razione che sono state con­fer­mate anche in una recente video­con­feren­za tra l’Assessore e i com­mer­cianti locali tramite la quale gli eser­centi han­no potu­to pro­porre e avan­zare richi­este all’Amministrazione.

Abbi­amo pre­so nota di tutte le richi­este por­tate dai diret­ti inter­es­sati. – spie­ga Avanzi — Pos­so dire con certez­za che attuer­e­mo la sop­pres­sione del canone per i plateati­ci per i mesi di chiusura rego­la­men­tan­do i rim­bor­si o gli abbuoni. Inoltre l’amministrazione desen­zanese sta pre­dispo­nen­do un “piano plateati­ci” per l’ampliamento gra­tu­ito degli spazi. Anche sui parcheg­gi abbi­amo opta­to per una lin­ea a favore di tur­isti e res­i­den­ti con aprile e mag­gio gratis tut­to il giorno, men­tre per giug­no e luglio la pri­ma ora sarà gra­tui­ta per tut­ti, res­i­den­ti e non; è inoltre al vaglio uno stu­dio per dedi­care alcu­ni parcheg­gi del “Val­lone – Cen­tro”, in par­ti­co­lare quel­li cop­er­ti, agli ospi­ti delle strut­ture alberghiere che ne faran­no richi­es­ta dietro paga­men­to di un canone con­ven­zion­a­to. Saran­no infine resti­tu­ite le men­sil­ità non usufruite dai pos­ses­sori di abbona­men­ti al parcheg­gio Val­lone-Cen­tro. Si par­la di cir­ca 200.000 euro di amman­co com­p­lessi­vo nelle casse comu­nali ma siamo dis­posti a fare questo sac­ri­fi­cio”.

Altri inter­ven­ti a liv­el­lo tur­is­ti­co riguarder­an­no la pos­si­bil­ità di ingres­si gra­tu­iti nei musei per i cli­en­ti delle strut­ture recettive fino al 31 luglio e saran­no mes­si a dis­po­sizione fon­di anche per una cam­pagna di mar­ket­ing intera­mente ded­i­ca­ta alla ripresa del set­tore. Sem­pre in ques­ta direzione va il man­ten­i­men­to del­la tas­sa sog­giorno, come da leg­is­lazione cor­rente, la cui cifra sarà tut­tavia ded­i­ca­ta allo svilup­po del tur­is­mo e, in parte, alle opere pub­bliche iner­en­ti alla pro­mozione turistica.

IL CUORE GRANDE DEI DESENZANESI.

Con­clude l’Assessore Avanzi: “Ci ten­go a ringraziare i tan­ti desen­zane­si che han­no ader­i­to alla cam­pagna di rac­col­ta fon­di per le cat­e­gorie più frag­ili: il cuore dei desen­zane­si è grande e abbi­amo rac­colto qua­si 20.000 euro che sono sta­ti già com­ple­ta­mente rein­vesti­ti. Non c’era bisog­no di con­ferme ma Desen­zano ha dimostra­to anco­ra una vol­ta di essere grande, in tut­ti i sensi”.