Vincite record, credenze popolari e misteri

Curiosità, misteri e maledizioni: quello che non sai sulla roulette

27/01/2021 in Attualità
Di Redazione

Spes­so dietro a quel­lo che potrebbe sem­brare un sem­plice pas­satem­po si nascon­dono miti, cre­den­ze popo­lari e curiosità, come nel caso del­la roulette. Per questo moti­vo LeoVe­gas ha pub­bli­ca­to l’infografica “Gira la roulette: curiosità e fal­si miti così da fare luce su 5 par­ti­co­lar­ità poco conosciute e 5 ele­men­ti da sfatare.

Lo sape­vate ad esem­pio che questo gio­co si carat­ter­iz­za per un par­ti­co­lare lin­guag­gio? È francese, uti­liz­za­to per indi­care alcune gio­cate e inclu­so nel­la for­mazione dei croupi­er e nelle regole del gio­co. Un esem­pio? Tiers du cylin­dre indi­ca le pun­tate del­la serie 5 e 8.

Conoscere il francese non è l’unica abil­ità che deve possedere un buon croupi­er: elas­tic­ità men­tale, capac­ità di relazionar­si con i cli­en­ti e una fed­i­na penale imma­co­la­ta sono fon­da­men­tali. Esistono delle scuole di for­mazione per croupi­er e lo stipen­dio di un pro­fes­sion­ista del gio­co può arrivare fino a 35.000 dollari.

Tutt’oggi attorno alla roulette con­tin­u­ano a cir­co­lare fal­si miti di tut­ti i tipi: sec­on­do alcu­ni la ruo­ta sarebbe col­le­ga­ta al numero del­la Bes­tia (il 666), men­tre un’altra leggen­da vuole che questo gio­co sia nato da un pat­to stret­to con il diavolo.

Le false cre­den­ze sul­la roulette riguardano anche altri aspet­ti, a par­tire dal­la pre­sun­ta esisten­za di meto­di sci­en­tifi­ci per indov­inare i risul­tati di quel­lo che è un gio­co total­mente impreved­i­bile. Stes­so dis­cor­so vale per il dete­ri­o­ra­men­to dei tavoli, che favorirebbe l’uscita di alcu­ni numeri, e per le prob­a­bil­ità di vinci­ta: nel pri­mo caso i tavoli da gio­co ven­gono con­trol­lati di con­tin­uo, men­tre le per­centu­ali di vit­to­ria e i mar­gi­ni del ban­co non cam­biano tra sale fisiche e virtuali.