La pittura dell’Ottocento Mostra a palazzo Callas

Dal primo marzo, resterà aperta due mesi

14/02/2006 in Mostre
Di Luca Delpozzo
Maurizio Toscano

Un omag­gio alla pit­tura dell’Ottocento ital­iano, con 130 opere prove­ni­en­ti da collezioni pub­bliche e pri­vate, aprirà la lun­ga sta­gione cul­tur­ale di Sirmione con una mostra sen­za prece­den­ti nel­la peniso­la garde­sana. E’ il sec­on­do appun­ta­men­to di un per­cor­so tri­en­nale inizia­to nel 2005 con un trib­u­to all’Ottocento europeo. Quest’anno toc­ca all’arte, come ha ril­e­va­to il cura­tore Lui­gi Cresci­ni del­la «Gal­le­ria del Tem­po» nel pre­sentare la man­i­fes­tazione a palaz­zo Callas: «È un’occasione uni­ca per entrare in un per­cor­so d’arte mai vis­to pri­ma, con opere dei gran­di maestri acquisite da collezion­isti, final­mente vis­i­bili al grande pub­bli­co». Nel 2007 sarà il turno di una rasseg­na mono­grafi­ca ded­i­ca­ta ad un grande artista dell’Ottocento. La rasseg­na, che si snoderà in sei sale, aprirà i bat­ten­ti il 1° mar­zo per chi­ud­er­li il 1° mag­gio. Ma al suo inter­no, come già del resto avvenu­to nel 2005, gli orga­niz­za­tori han­no allesti­to un ciclo di even­ti di grande spes­sore cul­tur­ale. Su tut­ti, un con­veg­no e un con­cer­to liri­co nel decen­nale del­la scom­parsa di Francesco Sicil­iani, sco­pri­tore dei più gran­di tal­en­ti liri­ci del sec­o­lo scor­so, come , e diret­tore artis­ti­co del­la Scala nel dopoguer­ra. In pro­gram­ma il 21 aprile, saran­no invi­tate gran­di per­son­al­ità, come Car­lo Bergonzi, Cecil­ia Gas­dia, Ivo Vin­co, Giuli­et­ta Simion­a­to, Mag­da Oliv­ero, Antoni­et­ta Stel­la. Ieri, a Sirmione, era pre­sente la figlia del Mae­stro, sig­no­ra Francesca, che ha volu­to ringraziare l’organizzazione e il Comune, rap­p­re­sen­ta­ta dagli asses­sori Michele Nocera e Gior­dano Sig­nori, per il ten­ero ricor­do riv­olto a suo padre. Tor­nan­do alla mostra, Lui­gi Cresci­ni ha spie­ga­to il moti­vo di ques­ta sec­on­da rasseg­na per­ché, da tem­po, ave­va nota­to «uno scar­so inter­esse nel mon­do del collezion­is­mo ver­so ques­ta pit­tura che, pure, sim­bo­leg­gia la rinasci­ta del nos­tro Paese». Saran­no pre­sen­ti tut­ti i momen­ti che han­no pre­ce­du­to ed accom­pa­g­na­to l’Ottocento ital­iano. Dal­la scuo­la lom­bar­da di Gae­tano Pre­viati, Mosè Bianchi, Anto­nio Fontane­si e Gia­ci­no Bo; il peri­o­do dei Mac­chi­aioli con Gio­van­ni Fat­tori, Sil­ve­stro Lega e Telema­co Sig­nori­ni; la scuo­la di Posil­lipo con Fil­ip­po Pal­izzi e Giuseppe Cas­cia­ro. L’ingresso alla mostra sarà gra­tu­ito e ris­erverà una visi­ta gui­da­ta in com­pag­nia di uno dei mas­si­mi crit­i­ci d’arte con­tem­po­ranei: la pro­fes­sores­sa Rossana Bossaglia. L’incontro sarà alle ore 19 del 24 mar­zo. Infor­mazioni. 030.9991660, www.arte800.com