Aeroporto, la Camera di commercio dice sì Il presidente? Spunta il nome di Beretta

D’Annunzio

08/02/2002 in Manifestazioni
Di Luca Delpozzo
Montichiari

Un nome: Ugo Gus­sal­li Beretta. Un incar­i­co: pres­i­dente del­la nascente Spa «Gabriele D’Annunzio» per la ges­tione dell’aeroporto di Mon­tichiari. Il pres­i­dente del­la omon­i­ma e famosa fab­bri­ca d’armi gar­donese fa così il suo ingres­so nel­la ristret­ta cer­chia dei papa­bili all’importante incar­i­co (nei giorni scor­si si era fat­to pure il nome dell’ex asses­sore provin­ciale Vig­ilio Bet­tin­soli, ndr). Le indis­crezioni al riguar­do sono insis­ten­ti e con il pas­sare dei giorni sem­bra­no des­ti­nate ad aumentare di peso. Il nome di Beretta cos­ti­tu­isce una figu­ra di indis­cutibile effi­ca­cia e richi­amo. Alla gui­da di un grup­po che non ha cer­to bisog­no di pre­sen­tazioni, ex pres­i­dente degli indus­tri­ali bres­ciani, Beretta met­terebbe a dis­po­sizione del­la neona­ta soci­età quell’esperienza impren­di­to­ri­ale nec­es­saria ad affrontare il sem­pre dif­fi­cile momen­to dell’avvio di una attiv­ità così com­p­lessa. Se intorno ai tre rap­p­re­sen­tan­ti bres­ciani nel­la nuo­va soci­età di ges­tione c’è anco­ra un com­pren­si­bile ris­er­bo, appare defini­ta la squadra dei sei rap­p­re­sen­tan­ti espres­si dal­la Cat­ul­lo Spa: saran­no il pres­i­dente Fer­nan­do San­son, il vice Giuseppe Bel­li, il diret­tore gen­erale Mau­ro Mar­rocu, il com­mer­cial­ista veronese Mau­ro Bianchi, indi­ca­to dal Comune di Verona, Luisa Mar­ti­ni in rap­p­re­sen­tan­za del­la Provin­cia di Verona e il bres­ciano Gui­do Galper­ti. Intan­to, ieri anche la Cam­era di com­mer­cio di Bres­cia ha approva­to all’unanimità la nasci­ta del­la nuo­va soci­età di ges­tione. Nel vol­gere di quat­tro giorni è questo il sec­on­do voto unanime che sca­tur­isce dagli enti bres­ciani, Provin­cia e Cam­era di Com­mer­cio di Bres­cia, a favore di una boz­za d’in­te­sa per la delib­era di scor­poro del ramo d’azienda in dis­cus­sione lunedì 11 feb­braio con l’assemblea del­la Cat­ul­lo spa, la soci­età che gestisce attual­mente gli aero­por­ti di Vil­lafran­ca e di Mon­tichiari. Sod­dis­fazione è sta­ta nat­u­ral­mente espres­sa da Francesco Bet­toni, pres­i­dente del­la Cam­era di Com­mer­cio, che più di ogni altro si è bat­tuto in questi ulti­mi mesi per giun­gere a questo risul­ta­to. «Parteciper­e­mo al 7,5% ver­san­do i 2 mil­iar­di e 250 mil­ioni pat­tuiti ma con­tes­tual­mente verser­e­mo i 2 mil­iar­di e mez­zo rimasti in sospe­so — com­men­ta Bet­toni — i nomi dei tre con­siglieri bres­ciani ver­ran­no indi­cati subito dopo la delib­era del­lo scor­poro e tra essi indicher­e­mo il pos­si­bile pres­i­dente». Il dibat­ti­to è dura­to cir­ca tre ore e quin­di sono sta­ti toc­cati i numerosi pun­ti con­tenu­ti nel­la boz­za d’in­te­sa, nel­lo statu­to e nelle linee gui­da. «Al con­siglio non è piaci­u­to molto il modo ed il ritar­do con cui giun­giamo a questo appun­ta­men­to — aggiunge Bet­toni — ma ora guardiamo avan­ti e pro­ce­di­amo per lo svilup­po del nos­tro aero­por­to». La D’An­nun­zio spa vedrà la luce con un diret­ti­vo for­ma­to da 9 con­siglieri, di cui sei di espres­sione Cat­ul­lo e tre bres­ciani. A quel pun­to inizierà la piani­fi­cazione eco­nom­i­ca e la Cam­era di Com­mer­cio si è impeg­na­ta a sostenere eco­nomi­ca­mente la soci­età nei pri­mi dif­fi­cili anni. Il diret­ti­vo del­la Cam­era di Com­mer­cio ha inoltre approva­to all’u­na­nim­ità obi­et­tivi e stru­men­ti che porter­an­no ad una stret­ta col­lab­o­razione tra Ente fiera di Bres­cia e quel­lo di Mon­tichiari, così come il pres­i­dente Bet­toni ave­va già antic­i­pa­to ven­erdì scor­so nel­l’in­con­tro con i diri­gen­ti mon­te­claren­si nel Munici­pio del­la cap­i­tale del­la Bas­sa. William Gerol­di Francesco Di Chiara

Commenti

commenti