Donare AVIS: a Lazise consegnati i premi

18/11/2016 in Attualità
Parole chiave:
Di Sergio Bazerla

stra­col­ma per godere delle note degli stru­men­ti musi­cali abil­mente suonati dagli alun­ni del­la scuo­la sec­on­daria del­l’Is­ti­tu­to Fal­cone-Borselli­no ad ind­i­riz­zo musi­cale. Con­sideran­do gli applausi e la richi­es­ta per­en­to­ria del bis da parte del pub­bli­co è sta­to evi­dente che sono sta­ti pro­prio bravi. Non da meno i loro inseg­nan­ti che li han­no diret­ti:  Fab­rizio Olioso, Angela Baru­so­lo, Lucia Del Car­pio, Valenti­na Fornari e Lorel­la Baldin. E fra un inter­mez­zo musi­cale ’ l’al­tro sono sta­ti con­seg­nati  dieci pre­mi ad altret­tan­ti fotografi non pro­fes­sion­isti che si sono cimen­tati nel­la XVII edi­zione del con­cor­so fotografi­co Lui­gi Bar­bi­eri e Gior­gio Pel­lati di Donare Avis con il con­trib­u­to del Cen­tro Servizi per il Volon­tari­a­to di Verona. Il tema era: Foto dal­l’al­to: un mon­do ai nos­tri pie­di.  Sono sta­ti 36 i fotografi che vi han­no ader­i­to ed han­no pre­sen­ta­to una novan­ti­na di fotografie.

La mostra è sta­ta espos­ta nel cor­so del­l’es­tate in tut­ti i pae­si che aderiscono a ” Donare Avis”, prati­ca­mente : Affi, Pes­cant­i­na, Bar­dolino, Cavaion, Capri­no, Coster­mano, Gar­da, Lazise, Pas­tren­go, San Zeno di Mon­tagna, Tor­ri del Benaco.

Un pub­bli­co molto ampio ed atten­to ha vision­a­to le immag­i­ni , rag­giun­gen­do oltre 1200 schede di votazione. Le dieci migliori foto appari­ran­no quin­di sul cal­en­dario 2017 di Donare Avis.

Il pri­mo pre­mio se lo è aggiu­di­ca­to Ani­ta Castel­lani del­l’Avis di Cavaion Veronese con ” una poz­zanghera rac­con­ta”. Irene Visen­ti­ni di Bar­dolino con ” mi pun­gono i pie­di” si attes­ta­ta al sec­on­do pos­to, men­tre Vania Manci­ni di Capri­no è giun­ta terza con ” ai nos­tri pie­di inaspet­tati rif­lessi di mondo”.

Passero al bag­no è la foto di Stel­la Mag­a­li­ni di Tor­ri del Bena­co, Amore nero di Graziano Mag­a­g­not­ti di Cavaion, men­tre ” pri­gion­iere del ghi­ac­cio” di Ren­zo Quintarel­li di Pes­cant­i­na si è aggiu­di­ca­ta il ses­to pos­to. A seguire, nel mio gia­rdi­no di Michele Lochi di Gar­da, Rami o radi­ci? di Alessan­dro Azzi di Lazise, Non calpes­ti­amo il can­dore di Luciano Bonomet­ti di Tor­ri del Bena­co, ed infine Foglia for­tu­na­ta di Mar­ta Cec­chi­ni di Pescantina.

Se queste mer­av­iglie di fotografie pos­sono servire ad incre­mentare il dono del sangue — ha sot­to­lin­eato Loredana Mar­tinel­li, diret­trice del Cen­tro Trasfu­sion­ale di Bus­solen­go — devo dire che sono com­mossa ed orgogliosa.Immagini mer­av­igliose ed uniche che val­oriz­zano non solo il ter­ri­to­rio ma soprat­tut­to la vic­i­nan­za ver­so l’Avis e ver­so il grande mon­do, spes­so sconosci­u­to, di chi soffre.”

La mostra-con­cor­so indet­ta per il 2017 ha per tito­lo: Tesori nascosti ed opere d’arte poco conosciute del ter­ri­to­rio.” E quì di scat­ti da fare ce ne sono ad iosa.

Ser­gio Bazerla

 

Parole chiave: