Concerti. Garda, Bardolino e Pacengo

Festival di Pentecoste anche nelle chiese

Di Luca Delpozzo
Lago di Garda

Pros­eguono in riva al lago le ser­ate musi­cali del Fes­ti­val di Pen­te­coste. Stasera a Gar­da al Palaz­zo dei con­gres­si e domani a nel­la chiesa di San Severo alle 21 i solisti del fes­ti­val saran­no impeg­nati in brani per vio­li­no e flau­to di Albi­noni e Vival­di, ovvero «Vir­tu­o­sis­mo del Set­te­cen­to». Vival­di sec­on­do Bach invece, sarà pro­tag­o­nista lunedì nel­la chiesa par­roc­chiale di Pacen­go e poi mer­coledì 29 al Palaz­zo dei con­gres­si di Gar­da. Si trat­ta del­la trascrizione per clav­icem­ba­lo dei con­cer­ti vival­diani fat­ta dal genio di Eisen­bach, opera con il quale il con­cer­to ital­iano viene assun­to come mod­el­lo cre­ati­vo in Europa. Entrambe le ser­ate vedono al clav­icem­ba­lo Lidia Kawec­ka. Il fes­ti­val tor­na a Bar­dolino giovedì 30 con in aper­tu­ra il con­cer­to in re minore per oboe, archi e bas­so con­tin­uo di Alessan­dro Mar­cel­lo. A com­pletare la ser­a­ta al cin­e­ma teatro Coral­lo «Spa­go e Filet­ta»: un inter­mez­zo comi­co di grande ele­gan­za e diver­ti­men­to, per la trage­dia di Lucio Como­do, recita­ta da Nobili Acca­d­e­mi­ci l’anno 1719. L’esecuzione è affi­da­ta al con­tral­to San­dra Giu­li­adori, al basso:Francesco Azzoli­ni, (oboe: Francesco Pomi­ni, mae­stro del coro: Pao­lo Fac­in­cani, mae­stro al cem­ba­lo: Daniele Ansel­mi) men­tre l’Ensemble del Fes­ti­val è com­pos­to da Mau­r­izio Leone al flau­to, Rober­to Mut­toni e Loren­zo Gugole al vio­li­no, Luca Cac­cia­tori alla vio­la, Daniele Spa­da al vio­lon­cel­lo e Ric­car­do Coelati al con­tra­b­bas­so. Con­clu­sione del Fes­ti­val a Peschiera saba­to 1 giug­no alla ex caser­ma d’artiglieria di Por­ta Nuo­va con Vir­tu­o­sis­mo del Set­te­cen­to dei solisti del festival.