L'albergo moderno, il villaggio turistico alla moda, il centro congressuale avanzato sono strutture impostate per ricreare standard di benessere e di "comfort" al fine di rigenerare e recuperare dalle condizioni più o meno stressanti quanti vi approdano.

Garantire più comodità e hotel e villaggi

08/02/2000 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

L’albergo moderno, il villaggio turistico alla moda, il centro congressuale avanzato sono strutture impostate per ricreare standard di benessere e di “comfort” al fine di rigenerare e recuperare dalle condizioni più o meno stressanti quanti vi approdano. Strutture quindi che già in fase di progettazione devono esprimere una sostenuta carica di attrazione e soddisfazione e arrivare a creare condizioni emozionali e di suggestione. Regole messe a fuoco nella conferenza di apertura del seminario che ha accompagnato Forum 2000, rassegna dedicata alle attrezzature e tecnologie per l’hotel e le strutture congressuali.Relazione introduttiva di Marco Piva, fondatore di Studiodata Associati, uno dei più noti a livello internazionale del design e dell’architettura, che si è soffermato sul “progetto come metodo” e in particolare sul metodo tradizionale italiano che guarda alla qualità totale attraverso un processo di dialogo tra “funzioni, emozioni, memoria e benessere” al fine di stimolare il viaggiatore.Vetrina della tre giorni di studio non poteva che essere l’ospitante Eurocongressi Hotel della Wonderful, una delle più evolute e qualificate società di formazione esistenti in Italia. Complesso quello di Cavaion che esprime una doppia realtà, soprattutto quella di una scelta aziendale che punta al target del cliente d’affari.Ma trovandosi l’albergo alle spalle del Garda ecco che nei mesi estivi diventa meta del turismo internazionale. Un centro quindi che abbina alle caratteristiche di hotel a quattro stelle una zona congressuale funzionale e che offre nello stesso tempo calore e praticità per la cura dei materiali adottata e per lo stile architettonico. “Un ottimo punto di riferimento per tutti gli operatori turistici gardesani”, ha evidenziato nel corso della conferenza stampa Giuseppe Lorenzini, presidente dell’Unione gardesana albergatori veronesi. “Ma anche un momento importante di conoscenza e confronto con le aziende del contract che hanno dimostrato, nella realizzazione dell’Eurocongressi Hotel, di essere all’avanguardia per tecnologie di costruzione, di controllo e sicurezza”.Provocatorio l’intervento del sindaco di Cavaion che ha colto l’occasione del Forum 2000 per contestare la nuova legge regionale sulle strutture commerciali che viene in particolare a penalizzare i Comuni dell’entroterra gardesano. “Invece di guardare alla qualità delle strutture, come a quella che ci troviamo, la Regione”, ha puntualizzato Giancarlo Sabaini, “rimane ferma alla quantità dei posti letto. A questo punto a noi amministratori dei Comuni di serie B non resta che andare alla ricerca di un lagher anche usato per arrivare ai 1500 posti letto imposti dalle nuove norme per far parte dei Comuni turistici”.Clou della tre giorni il Forum dedicato alle attrezzature e tecnologie del settore alberghiero e congressuale allestito nell’enorme salone polifunzionale suddiviso in una trentina di stand. Evento arricchito da una serie di conferenze che ha affrontato temi di grande interesse e attualità: dalle soluzioni tecniche per l’acustica degli alberghi (relatore Federico Tedeschi) alle scelta di risparmio energetico e salvaguardia ambientale (Paolo Biggi e Marco Pietropoli); dalla sanificazione ambientale e il trattamento delle acque di piscina nelle strutture ricettive (Stefano Campagna e Davide Dameri) alla climatizzazione a gas e nuovi vantaggi nella creazione del comfort ambientale (Alberto Lodi e Walter Livraghi). Il tutto patrocinato dalla Provincia di Verona, dall’Ordine degli ingegneri, dalla Comunità del Garda, dal Comune di Cavaion, dall’Ugav e Assogardacamping.

Alvaro Joppi
Parole chiave:

Commenti

commenti