Galloni nuovo presidente del Circolo Vela

Gargnano: cambio al vertice

29/11/2000 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Bruno Festa

l nuo­vo Con­siglio del Cir­co­lo Vela di Gargnano ha elet­to Luciano Gal­loni alla car­i­ca di pres­i­dente. Gal­loni, di pro­fes­sione man­ag­er finanziario, suc­cede all’ingegner Andrea Dami­ani, che ha guida­to il sodal­izio sporti­vo altog­a­rde­sano per una deci­na di anni. Un tem­po, questo, in cui Dami­ani ha tolto il Cir­co­lo dalle ambasce (anche finanziarie) in cui nav­i­ga­va e lo ha con­dot­to agli attuali liv­el­li. L’elezione del nuo­vo pres­i­dente è avvenu­ta lunedì sera, pre­sen­ti qua­si tut­ti i con­siglieri (quat­tro quel­li ricon­fer­mati) del cir­co­lo sporti­vo. Assente il giu­dice Francesco Mad­da­lo che, nell’assemblea elet­torale di una deci­na di giorni fa, ave­va fat­to il pieno di pref­eren­ze. Mad­da­lo, che segue da tem­po le vicende del Cir­co­lo Vela (suo figlio fa parte del­la squadra ago­nis­ti­ca) attende il via lib­era del Con­siglio Supe­ri­ore del­la Mag­i­s­tratu­ra, nec­es­sario anche per rico­prire la car­i­ca di con­sigliere del cir­co­lo sporti­vo. Oltre al nome di Gal­loni, quale can­dida­to alla car­i­ca più alta, nel cor­so del con­siglio qual­cuno ave­va pro­pos­to anche quel­lo di Fer­nan­do Dane­si, vicepres­i­dente nel­la ges­tione uscente, sen­za però che questi avesse l’aria di essere molto entu­si­as­ta. Dane­si avrebbe rap­p­re­sen­ta­to la con­ti­nu­ità con il recente pas­sato, che ha por­ta­to notevoli sod­dis­fazioni al Cir­co­lo gargnanese, com­pos­to da cir­ca 150 iscrit­ti e con una man­i­fes­tazione che ha toc­ca­to le 50 edi­zioni — la — nota ormai ben oltre le Alpi: oltre 300 imbar­cazioni al via nel set­tem­bre scor­so. L’idea che si è impos­ta tra i con­siglieri (che, in mag­gio­ran­za, sono gargnane­si) è sta­ta quel­la di eleg­gere una per­sona del luo­go. Così è sta­to. Per il nuo­vo pres­i­dente, qualche ques­tione impor­tante da definire. Per chi lo ha pre­ce­du­to, il man­i­festo riconosci­men­to di tut­ti. Bruno Festa

Parole chiave: