Gli alpini in festa pronti a confermare l’impegno sociale

20/04/2001 in Manifestazioni
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Silvio Stefanoni

Fes­ta grande per le penne nere di Poz­zolen­go domeni­ca 22 aprile. Gli del grup­po, che appar­tiene alla sezione Mon­te­suel­lo di Salò, cel­e­bra­no infat­ti la loro annuale fes­ta. Nonos­tante le notizie neg­a­tive riguardan­ti la futu­ra abo­lizione del­la leva, gli alpi­ni di Poz­zolen­go pros­eguono impert­er­ri­ti il loro cam­mi­no nel seg­no del volon­tari­a­to e del­la sol­i­da­ri­età. La loro parte­ci­pazione alla sis­temazione del viale che por­ta alla Cap­pel­la Ossario di San Mar­ti­no, che con­tiene i resti dei tan­ti cadu­ti del­la stor­i­ca battaglia del 24 giug­no 1859 — viale dev­as­ta­to dal­la furia del mal­tem­po lo scor­so autun­no -, è solo l’ultimo dei lavori che han­no vis­to gli alpi­ni in pri­ma lin­ea. La loro fes­ta annuale sarà quin­di l’occasione per ritrovar­si con i com­mili­toni di altri grup­pi e anche di altre armi, vivere insieme alcune ore in sana alle­gria e fare il pun­to delle cose fat­te e di quelle fda fare. Questo il pro­gram­ma del­la man­i­fes­tazione di domeni­ca. Alle ore 9 ritro­vo pres­so la sede del grup­poin via Mazz­i­ni 18. Alle 10 la parten­za del cor­teo per la tradizionale sfi­la­ta lun­go le vie del paese. Dopo la depo­sizione di una coro­na al mon­u­men­to dei cadu­ti, alle 10.30 alz­a­bandiera pres­so il mon­u­men­to all’alpino nel­la piaz­za ded­i­ca­ta alle penne nere. Alle 11 la mes­sa, per ricor­dare i cadu­ti e gli alpi­ni che sono andati avan­ti. Alle 12.30 il tradizionale ran­cio con spiedo. Alla man­i­fes­tazione parteciperà e darà un toc­co di solen­nità la Fan­fara alpina di Gavar­do e il Grup­po Sci­a­tori e Roc­cia­tori di Rivoltella.

Parole chiave: