Gli sport più popolari online

15/12/2020 in Senza categoria
Di Redazione

Non tut­ti lo san­no, ma pare che il gio­co di azzar­do risal­ga addirit­tura al 3000 a.C.

Pare infat­ti che furono pro­prio gli antichi Romani ad inventare il gio­co dei dadi e che gli stes­si possedessero vari giochi da tavo­lo con i quali era­no soli­ti affrontar­si in inten­si duel­li. Anche nell’antica Cina, inoltre, la prat­i­ca del gio­co era molto dif­fusa nel 2300 a.C. e le lot­terie ed i giochi delle carte sem­bra fos­sero molto popolari.

Ciò ci fa riflet­tere molto sul fat­to che gio­care d’azzardo è per l’uomo, di qual­si­asi raz­za e di qual­si­asi genere, un’importante attrat­ti­va che fin dai tem­pi lon­tani e anco­ra oggi riesce a richia­mare l’interesse di mil­iar­di di per­sone, fino a diventare in alcu­ni casi addirit­tura un’ossessione.

Per­ché scom­met­tere ci piace così tanto?

Prob­a­bil­mente, oltre ad una mera ques­tione eco­nom­i­ca, l’idea di vin­cere una scommes­sa mette in moto nel nos­tro cervel­lo tut­ta una serie di mec­ca­n­is­mi che atti­vano il sis­tema lim­bi­co delle nos­tre mem­brane. Per non par­lare poi di quan­do effet­ti­va­mente rius­ci­amo a con­cretiz­zare un guadag­no – sia esso pur pic­co­lo – da una scommes­sa: in questo caso viene rilas­ci­a­ta la famosa dopam­i­na, che ci regala un sen­so pro­fon­do di appaga­men­to e felicità.

Ricer­care la vit­to­ria, non c’è ombra di dub­bio, è pro­fon­da­mente insi­to nel­la natu­ra umana e quan­do dunque alle scommesse si aggiunge anche l’utilizzo del denaro la sen­sazione di ecc­i­tazione diven­ta anco­ra più grande.

On line si scom­mette pro­prio su tut­to e soprat­tut­to sul­lo sport

Un binomio da anni indis­sol­u­bile è quel­lo rap­p­re­sen­ta­to dal­lo sport e dalle scommesse. Chi è appas­sion­a­to di cal­cio lo sa molto bene, dato che fin dai tem­pi del Toto­cal­cio (nato in Italia nel 1948) mil­ioni di ital­iani si sono accan­i­ti davan­ti ad una sched­i­na nel ten­ta­ti­vo di real­iz­zare quel “famoso 13”.

Oggi, con l’avvento di Inter­net, i tem­pi sono parec­chi cam­biati da allo­ra e alle tradizion­ali scommesse sportive si sono aggiunte tutte quelle effet­tua­bili tramite i canali on line. Anche nel bet­ting il cal­cio rimane il padrone asso­lu­to e si ricon­fer­ma come lo sport più popo­lare al mon­do anche nell’ambito delle scommesse sul web. L’offerta scommesse cal­cio, per gli accan­i­ti gio­ca­tori d’azzardo, è prati­ca­mente pre­sente tut­to l’anno: dalle par­tite di cam­pi­ona­to alle coppe europee, dai mon­di­ali alle com­pe­tizioni amichevoli, non c’è mai un momen­to di pausa per chi vuole sfi­dare le pro­prie capac­ità e com­pe­ten­ze in ambito di prognostici.

Dopo il cal­cio, però, infini­ti sono gli altri sport sui quali ven­gono piaz­zate quo­tid­i­ana­mente le più svari­ate scommesse: il bas­ket che van­ta ben 2 mil­iar­di di segui­tori, che si piaz­za poco dopo il crick­et che con oltre 2,5 mil­iar­di di appas­sion­ati pare essere uno degli sport che cat­tura l’interesse di una sostanziale fet­ta di popo­lazione, anche se con­cen­tra­ta prin­ci­pal­mente nei pae­si anglosas­soni, in India e in Aus­tralia. A ruo­ta seguono poi il ten­nis, la pallavo­lo, il ten­nis da tavo­lo e il foot­ball amer­i­cano e il rug­by. Di minor por­ta­ta, ma non per questo non deg­ni di con­sid­er­azione, ci sono il nuo­to, lo sci, il ciclis­mo, la for­mu­la 1 e il beach vol­ley, che si con­cen­tra­no però in alcu­ni peri­o­di speci­fi­ci dell’anno o in con­comi­tan­za di even­ti particolari.

Scom­met­tere sì, ma responsabilmente

Dunque, se ci si vuole provare nel mon­do del bet­ting on line, non c’è che l’imbarazzo del­la scelta e le occa­sioni sportive (e non) per le quali scom­met­tere sono davvero numero­sis­sime. Il gio­co d’azzardo, però, non dovrebbe mai diventare una dipen­den­za e dovrebbe essere gio­ca­to soltan­to su piattaforme autor­iz­zate dall’Agenzia delle Dogane e dei Monop­o­li, quali ad esem­pio Euro­bet che rap­p­re­sen­ta il miglior cas­inò online, in modo da ess­er sicuri di muover­si in un mer­ca­to di aziende ver­ifi­cate e con­trol­late a liv­el­lo nazionale.