A Ponti sul Mincio era il 30 aprile del 1945

I cimeli della battaglia ora diventano museo

06/11/2002 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Ponti sul Mincio

Si van­no ormai delin­e­an­do i con­torni per la cos­ti­tuzione di un che rac­col­ga reper­ti e tes­ti­mo­ni­anze sul­la battaglia del 30 aprile 1945. Fu l’ul­ti­ma battaglia sul suo­lo ital­iano del­la guer­ra tra tedeschi, par­ti­giani e ardi­ti del­la 104° Com­pag­nia del IX Repar­to d ‘assalto del­la divi­sione Leg­nano che com­bat­te­vano al fian­co degli Alleati . L’inizia­ti­va di cos­ti­tuire un Museo per rac­cogliere cimeli di quel tragi­co fat­to che vide il sac­ri­fi­cio di tre par­ti­giani, un ragaz­zo di soli 15 anni e un civile, è sta­ta di Mario Zimel­li ex mares­cial­lo dei che all’e­poca ave­va solo 17 anni e mil­i­ta­va tra le fila del­la Briga­ta par­ti­giana Avesani. La sua pro­pos­ta ha avu­to subito l’ap­pog­gio del sin­da­co di Pon­ti sul Min­cio Gior­gio Rebuschi e del­l’asses­sore alla Cul­tura Rita Fari­na . Ora all’ex ardi­to (uno dei pochi super­sti­ti) del­la 104° Com­pag­nia Lui­gi Prati è sta­to con­fer­i­to l’in­car­i­co di costru­ire le bacheche che dovran­no con­tenere i reper­ti che con altri reper­ti bel­li­ci andran­no a cos­ti­tuire il nascente Museo. Infine , si cercherà di infor­mare la popo­lazione di Pon­ti sul Min­cio e pae­si lim­itrofi del­la nasci­ta di questo Museo, con l’in­vi­to a con­tribuire riv­olto a col­oro che even­tual­mente fos­sero in pos­ses­so di reper­ti bel­li­ci e non. Per infor­mazioni: 0376 — 88121 .

Parole chiave:

Commenti

commenti